guarda qui la differita. Regia Maria Josè Fernandez Moreno, riprese Luigi Ianni

FLAMMINI (conduttore)

Sabato si è accennato dell’uso del nuovo stadio per tutto l’anno. Ci sono novità sugli eventi in programma?

BARTOLOMEI (vicepresidente)

Auguri alla trasmissione che riparte oggi. Diciamo che sono rimaste le intenzioni espresse sabato, per l’amichevole Samb-Ascoli dai primi commenti non ho notato grossa euforia…. In quanto da entrambe le parti si attende una partita di campionato. Ma il mio intento era semplice, oggi lottare e salire di categoria è difficile, avere un mini torneo che possa ospitare le squadre più blasonate del territorio poteva ridare entusiasmo a tutta la regione. Era quello lo spirito che mi porta a cercare di organizzare questi eventi. Ma forse i tempi sono cambiati, rispetto a qualche decennio fa. Queste partite possono essere un veicolo per riportare la gente allo stadio. Il 2 gennaio per l’amichevole Samb-Roma bisogna ancora concretizzare definitivamente, il girone del Torneo di Viareggio da giocare qui invece è ufficiale. Non sappiamo se potrà partecipare anche l’Ascoli Primavera, pare ci siano un po’ di problemi, ma una testa di serie o una squadra straniera sicuramente ci saranno.

FLAMMINI

Se posso esprimere un parere personale su Samb-Ascoli, sono d’accordissimo, servirebbe anche a stemperare tensioni. E servirebbe anche alla tifoseria per fare una bella figura rispetto agli ultimi divieti di trasferta

PEROTTI (direttore Riviera Oggi)

In passato di amichevoli Samb-Ascoli ne sono state fatte, io non ci vedo nulla di male. Rifiutare a priori significa già che c’è di mezzo la violenza, no? Poi sfottersi va bene, dai. Finchè si rimane alle parole.

BARTOLOMEI

L’Ascoli comunque è un patrimonio per la regione, dà visibilità alle Marche. Non voglio augurargli sfortuna, quindi dovremmo essere bravi noi a salire di categoria per incontrarli.

Precludere questa amichevole significherebbe dar ragione a chi oggi ci sta imponendo i divieti di andare in trasferta a vedere la Samb.

FLAMMINI

Giudici, Samb reduce dalla bella vittoria di Jesi, prima c’era stata una settimana turbolenta, la squadra ti ha difeso, è stato uno spartiacque?

GIUDICI (allenatore Samb)

E’ stata importantissima, non potevamo sbagliarla. Ma la squadra aveva lavorato bene, c’è un bel progetto, una società seria, un gruppo compatto e professionale. Le mie dimissioni non sono state un teatrino, in quei frangenti bisogna essere compatti, ho messo a disposizione il mio incarico affinché decidesse la società se aveva la voglia di rimanere insieme per un campionato così difficile. Abbiamo parlato insieme, hanno parlato con i calciatori, e siamo andati avanti perché le cose erano chiare per tutti.

Più che uno spartiacque, questa di Jesi ha dimostrato che la Samb è forte.

FLAMMINI

Dopo Recanati e Santarcangelo, ci sono spiegazioni tecniche di quelle prestazioni e del mutamento che c’è stato dopo?

GIUDICI

In sette partite fatte con Lima sono state grosse partite. Per Recanati non abbiamo avuto scusanti, il mordente non c’era, ma può capitare. Mercoledì scorso invece abbiamo avuto difficoltà ad accorciare in difesa, a giocare in avanti, abbiamo subìto. Ma, ripeto, siamo fiduciosi, possiamo arrivare alla fine in testa.

FLAMMINI

Giudici, in passato lei ha allenato anche nelle giovanili della Samb. Conosce bene le passioni dell’ambiente, che giudizio dà della tifoseria e della stampa quest’anno?

GIUDICI

I contrasti fanno sempre crescere, ho ricevuto da Pino Perotti consigli giusti, da persona intelligente li accetto. Questo è un mestiere dove le critiche sono all’ordine del giorno, l’importante è che le critiche anche negative si facciano senza secondi fini ma per il bene della Samb. La tifoseria? E’ la forza di questa squadra. Sabato sono venuti al campo e ci hanno fatto capire una volta di più cosa significa indossare questa maglia. Vogliamo dare qualcosa di grande a tutti loro.

PEROTTI

Queste sono prove “di pressione”, dopo l’esperienza di Monte San Giusto. Prove che le saranno utili, no?

GIUDICI

Andavo in campi di C2 dove trovavi al massimo 400 persone, i giovani non avevano pressione, il tecnico non si sentiva di dover accelerare certe situazioni. Qui la pressione c’è perché è una delle piazze (e degli stadi, ora) migliori d’Italia. Mi fa piacere averle, per la carriera mi saranno utilissime, e mi auguro che la carriera vada avanti con la Samb.

BARTOLOMEI

Stiamo aspettando gli ultimi ok sull’agibilità dello stadio. Faccio una domanda a Giudici. Come mai gli allenatori qui a San Benedetto si dimettono tutti?

GIUDICI

Credo di essere stato corretto, ho trovato persone resposansabili, in quei momenti bisogna mettere le cose in chiaro, dopo due prestazioni così brutte. Mi dimisi a Monte San Giusto quando ero primo in classifica, pensate. Quindi le mie responsabilità so assumermele.

FLAMMINI

Com’è la situazione infermeria per domenica?

GIUDICI

Di Vicino oggi si è allenato, ma oggi c’è stato un piccolo problema con D’Aniello, e avremo Rulli squalificato. Ripeto, gli under sono determinanti, sono le fondamenta di una squadra, e noi qualche difficoltà l’abbiamo. Ma non si mette in discussione il giocatore, è che bisogna essere pronti a tutto.

FLAMMINI

Forse nelle sostituzioni degli under ci possono essere problemi, il meccanismo è complesso, per ogni annata ci vuole una riserva dello stesso anno

GIUDICI

Devono essere sempre in coppia, se manca uno gioca l’altro. A volte abbiamo trovato difficoltà perché questo onestamente da tecnico non riuscivo ad averlo.

FLAMMINI

Ci ha telefonato Spina, e ci hanno dato il permesso per altre due partite con i Distinti e la Curva Sud chiusi.

Parliamo ora di “Tifosi pro Samb”. Altre sottoscrizioni sono giunte questa settimana, lunedì 150 euro, e si pensa anche ad altre forme. Domenica è possibile mettere un banchetto allo stadio. Ora Fabio Mattioli ed Eros Spinozzi ci illustrano cosa accade a Centobuchi. “Grazie per la vittoria al cardiopalma di domenica. Noi abbiamo avuto un’idea, dare la possibilità a tutti di poter partecipare, con il bonifico bancario. Per Centobuchi e Monteprandone, vorremmo creare punti di raccolta permanenti, nei bar frequentati dai tifosi. Lì si potrà versare senza dover andare in banca, così che possono contribuire anche i più giovani e i più anziani. L’iniziativa è pulita, viene dal basso, viene dai tifosi, ringraziamo Spina e Bartolomei per averci accolto. Fa bene sentire la società vicina, noi amiamo la Samb. L’idea grande è trovare qualcuno che ci aiuti per dei punti di raccolta a San Benedetto, Grottammare, Cupra, nell’hinterland anche più lontano.

PEROTTI

Sentire che chi dà un assegno ringrazia, mi commuove veramente

BARTOLOMEI

L’iniziativa è interessantissima, non lo ripeterò mai abbastanza, non li ringrazierò mai abbastanza. I tifosi sono l’unica fonte forte che può avere questa società. Per noi le vittorie, la trasparenza, sono tutte cose che ci avvicinano ai tifosi. Conquistarne anche uno in più ogni domenica è fondamentale. Le vittorie aiutano, certo. Ma io penso che questo atteggiamento di trasparenza e passione che la società ci mette viene apprezzata dalla città.

Lunedì a Tvp abbiamo incontrato il sindaco, che si è esposto con la volontà di aiutare questa Samb. Abbiamo bisogno del Comune, gli ultimi soldi dati dal Comune alla Samb erano alla Samb di Mastellarini. La convenzione ventennale dello stadio, non so chi ha fatto il favore a chi, a noi ci costa sui trecentomila euro. Non stiamo pregando il Comune per dei soldi, ma per un aiuto che potrebbe essere un ritorno di immagine al Comune. Servono campi di allenamento, dove mettiamo i giovani sennò?

La Samb deve diventare capace di autogestirsi, capace di vivere anche senza Spina e Bartolomei. Se non dai strutture, i ragazzi non vengono. Dobbiamo costruire qualcosa per loro, per ospitarli, un luogo dove possano imparare oltre al calcio anche un sistema di vita.

PEROTTI

Ho appena ricevuto una mail da un professore dell’Università Saint John in Canada, membro dell’associazione, si chiama Osvaldo Croci. Scrive: “In passato si è parlato della necessità di unire alcune squadre marchigiane, che ne pensa Bartolomei?”

BARTOLOMEI

L’anno scorso volli incontrare i presidenti di Centobuchi e Grottammare. Serve un bacino di spettatori importanti per sostenersi, chi fa cento persone a partita forse non permette di resistere. Una fusione fra queste tre realtà ci permette invece di sostenerci. Aumentare il pubblico, i campi.

A tal proposito, inizieremo subito amichevoli infra settimanali nei paesi limitrofi per cercare avvicinamenti e collegamenti. Anche se spesso allo stadio ci sono più persone all’hinterland che da San Benedetto centro.

FLAMMINI

Leggo alcuni commenti dalle mail, complimenti per Eros Spinozzi da “Sbt capoluogo”. “11 Macaluso” ci scrive per Giudici (“abbiamo trovato il baricentro, avanti così”) e per Tifosi Pro Samb.

GIUDICI

Il 4-4-2? Per giocare così devi avere i giusti giocatori, per un periodo non lo abbiamo fatto perché c’era Zazzetta fuori e Grieco non ancora in forma. Domenica manca Rulli e forse D’Aniello. A dicembre ci sarà pochissimo da correggere, ma quel poco a volte ci mette in difficoltà.

Io ringrazio i tifosi, vedo un amore grandissimo, da non sottovalutare, mai. Oggi rispetto a venti anni fa c’è una tifoseria ancora più intelligente, perché si è passati da tre fallimenti. Oggi l’amore è ancora più intenso.

FLAMMINI

“11 Macaluso” chiede come mai non contribuiscano a Tifosi Pro Samb anche i politici e il sindaco?

GIUDICI

Faccio un gesto simbolico e do 50 euro a Spinozzi. Se dovessi andar via avrò il seggiolino pronto

BARTOLOMEI

Ma il seggiolino c’è anche in panchina eh….

FLAMMINI

Un tifoso ci dice che è d’accordo con Spina con la non riapertura delle campagna di abbonamenti, anche se forse si potrebbe fare per i bambini.

BARTOLOMEI

Il discorso degli abbonamenti, a noi imbarazza dire che non la riapriamo, penso che sia giusto premiare chi a prescindere dalla questione campo ha creduto in noi d’estate. Quando non c’è attività ma ci sono comunque gli stipendi da pagare. Per i ragazzi sotto i 14 anni, per fare evitare le file alle biglietterie, ne parlerò con Spina, potrebbe essere una cosa giusta.

FLAMMINI

Andare con i professionisti sarà importante per patrimonializzare. Quest’anno che budget avete?

BARTOLOMEI

Quest’anno è intorno al milione e due milione e tre. Il monte ingaggi ammonta a 500mila euro. La spesa più grande è 300mila euro per le utenze della gestione del campo, e per gli addetti ai lavori interni. Poi le trasferte, allungate. Abbiamo fatto 200mila euro di sponsorizzazione, 170mila euro di incassi previsti, 60mila euro dal main sponsor. 85mila dagli abbonamenti. Ho presentato al sindaco il piano di investimenti per quest’anno. Al Comune abbiamo chiesto un aiuto per i 150mila euro dei seggiolini.

Che servono per le partite grosse, da normative Uefa.

FLAMMINI

Domanda per Giudici, autore di un miracolo a Monte San Giusto in serie D. E due salvezze agevoli in Seconda Divisione. Non è strano che ora lei stia in serie D?

GIUDICI

Onestamente tutti quelli che mi hanno chiamato sono rimasti increduli, io non ho cercato collocazioni, ho avuto proposte in C ma non le ho accettate. Se ho deciso di scendere in serie D l’ho fatto in una piazza che vale la serie C.

Dire due volte no alla Samb non me lo sarei perdonato, mai.

FLAMMINI

Questo Teramo dovrà pure rallentare no?

GIUDICI

Abbiamo tante partite davanti, più che guardare al Teramo dobbiamo rammaricarci per i punti persi. Secondo me siamo superiori da certi punti di vista, dobbiamo però avere serenità e tranquillità.

L’anno che ho vinto il campionato avevo sei punti di vantaggio, a due partite dalla fine ho perso due portieri under, abbiamo vinto il campionato sette minuti dopo la fine della partita.

BARTOLOMEI

Giudici è una persona stupenda, come allenatore poi mi fido di Spina che ne è un estimatore. Quindi lo sono anche io.

FLAMMINI

Volevo chiudere con il discorso delle trasferte vietate. La Jesina ha inoltrato ricorso al Tar per il mancato incasso, la Civitanovese ha organizzato un incontro fra le società marchigiane.

BARTOLOMEI

Guarda, è una riflessione che faccio dall’anno scorso. Sono penalizzazioni, rifletto così per l’amore dello sport, a noi cambia poco. Sì, manca l’incitamento, ma a livello economico ci cambia poco. In serie D i biglietti allo stadio sono l’unico incasso, capisco quindi le piccole società. E le loro lamentele. Dobbiamo tutelare il calcio, se si continua così non si fa altro che allontanare le persone che con passione investono su questo sport, si fa del male a queste categorie e basta.

SPINOZZI (tifoso Samb)

Ho l’impressione di un certo accanimento verso di noi. Chi dirige la curva è contro gli atteggiamenti sbagliati, sono atti singoli che si riducono a un Borghetti che cade in campo o a una torcia.

Ora, domando a Giudici: Tidiane, quanto è forte? Quando arriva il transfert? E poi, Di Vicino. Serve, non serve? Che impressione ne ha?

GIUDICI

Ringrazio i calciatori, sono stati loro gli artefici della grande prestazione di Jesi.

Tidiane ha grandi capacità atletiche, ci sono difficoltà per il tesseramento, ma ha buone qualità. Un anno e mezzo fa giocava con gli amatori, ora dobbiamo dosarlo.

Di Vicino è un grande, ha indiscusse qualità. Sicuramente con il discorso degli under c’è difficoltà a trovare fisionomia, ma quando starà bene avremo scelte importanti, con lui, Pazzi, Covelli, Bianchi.

Ore 19:17 termina la diretta

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riprendono le dirette in Web Tv, successivamente trasmesse in differita, di RivieraOggi.it.

Giovedì 11 novembre, alle ore 18, nella sede di RivieraOggi.it, in via Val Gardena 5 a San Benedetto del Tronto, ospiti saranno l’allenatore Tiziano Giudici, il vicepresidente della Samb Claudio Bartolomei e anche i Tifosi Pro Samb, che in questi giorni stanno continuando ad aumentare di numero dopo aver donato, sabato scorso, 8 mila euro alla Samb Calcio per l’acquisto dei seggiolini nel nuovo “Riviera delle Palme”.

Chi seguirà in diretta da casa potrà rivolgere le proprie domande a Giudici, Bartolomei o anche ai Tifosi Pro Samb inviando una mail a info@rivieraoggi.it o commentando, preferibilmente, questo articolo.

Sarà possibile poi rivedere la trasmissione anche in differita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.478 volte, 1 oggi)