SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Ho in animo di discutere della Megavariante in un dibattito pubblico al Teatro Concordia, aperto a tutti i cittadini”. Parole del sindaco Giovanni Gaspari, giovedì mattina. Il sindaco manifesta soddisfazione per la pubblicazione del bando con cui si stabiliscono i criteri del potenziale accordo con i privati, destinato a finanziare quattro importanti opere pubbliche in cambio della concessione di diritti edificatori.”Mi piacerebbe che di questa operazione si guardassero prima i benefici per la città, le opere pubbliche, le riqualificazioni. Invece prevalgono i timori, spesso basati su istinti primordiali”. L’auspicio del sindaco è che all’incontro pubblico partecipino anche coloro che hanno manifestato più contrarietà all’operazione. Una realtà su tutti, il comitato “Prg a crescita zero”.

COSA DICE IL BANDO /2 Ad integrazione delle informazioni date in questo articolo (clicca qui), diamo indicazioni sui criteri di selezione delle offerte che perverranno. Fra i criteri qualitativi (400 punti in totale) il maggior peso specifico viene dato all’autonomia energetica dei progetti (200 punti). Cento punti come massimo giudizio rispettivamente per la qualità del progetto urbanistico e al pregio dei beni e servizi offerti.

Fra i criteri quantitativi, priorità alla minimizzazione del consumo territoriale (200 punti) e alla capacità di aggregare piccoli proprietari nel medesimo maxi progetto (altri duecento punti come risultato massimo). Cento punti massimi invece per  l’adeguamento di strade e piazze, 150 punti per la creazione di strutture sociosanitarie o ricettive extra alberghiere, fino a cento punti infine per una maggiore offerta di parcheggi, garage o asili nido convenzionati.

Il cronoprogramma delle opere pubbliche e la tempistica prevista possono fruttare un massimo di 200 punti all’offerta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 286 volte, 1 oggi)