ALTIDONA – “Prevenire è meglio che curare”, non è solo un detto popolare secolare. Si è svolta sabato sei novembre presso la sala “Joyce Lussu” di Marina di Altidona, la conferenza indetta dal centro fisioterapico e poliambulatorio FisioMedicalCenter, con il patrocinio del Comune di Altidona, per rompere il silenzio su quella che è la prevenzione per due importanti patologie: l’ictus e il tumore alla prostata.

In Italia, l’ictus colpisce ogni anno 185 mila persone di cui 150 mila sono dovuti a nuovi casi e 35 mila alle recidive. Di questi 185 mila casi 70 mila decedono nel primo anno e 50.000 sopravvive con invalidità gravi. Nei paesi occidentali l’incidenza del tumore alla prostata è di 55 nuovi casi per 100 mila abitanti. Questo porta purtroppo a un numero di casi attesi annui, riguardanti l’Italia, pari a 33 mila. Il tumore alla prostata, infatti, è fra le neoplasie più diffuse, costituendo il 20% di tutti i tumori di nuova diagnosi. Raramente riscontrato prima dei quaranta anni di età, provoca nel nostro paese 8 mila decessi ogni anno.

“Abbiamo deciso di credere nella prevenzione per sconfiggere malattie drammatiche – afferma Charles Camille Assouad, direttore sanitario, medico geriatra specialista in Ecografia Vascolare, del Centro Fisiomedicalcenter – Questa patologia, l’ictus, è silenziosa, bisogna controllarsi. L’ecodoppler che offriremo gratuitamente a questi pazienti non è invasivo, bensì potrà prevenire l’avanzamento di quelle famose placche che in alcuni casi bloccano le carotidi, alzando il rischio di morte o paralisi”.

A sostenere questo progetto anche il dottor Paolo Corchia, medico radiologo esperto nella diagnosi ecografica per la prevenzione del tumore alla prostata che sostiene “la prevenzione per il tumore alla prostata deve essere fatta assolutamente, soprattutto passati i cinquanta anni di età. Ricordate, se preso in tempo e rimosso, il paziente potrà automaticamente dirsi guarito e non affrontare in futuro alcun intervento o terapia». Importante dunque l’obiettivo prefissato dal poliambulatorio, sostenuto anche dal Consiglio Comunale di Altidona, entusiasta di questa importante iniziativa.

La selezione dei 100 pazienti avverrà tramite la compilazione di un questionario conoscitivo, scaricabile sul sito www.fisiomedicalcenter.it, che rivelerà quali saranno i pazienti che necessiteranno di una visita. Una volta compilato il questionario, dovrà essere inviato all’azienda, via mail o fax, saranno esaminati dai medici specialisti e in seguito il personale della Fisiomedicalcenter si occuperà di chiamare il medico curante del soggetto selezionato, proponendo un controllo accurato per la prevenzione. L’incontro è terminato con l’intervento di Maurizio Marziali, responsabile relazioni esterne del centro Fisomedicalcenter che ha affermato «questa iniziativa ci permetterà di salvare delle vite. La prevenzione deve esserci, e noi lotteremo per questo. Continueremo a promuoverla e non solo in queste patologie».

Nel centro è possibile avere trattamenti di ortopedia, fisiatria, osteopatia, ginecologia, dermatologia, urologia, cardiologia, neurologia, oncologia, ematologia, endocrinologia, otorino, omeopatia, logopedia, podologia, senologia, medicina estetica, chirurgia plastica, terapia del dolore e infine un reparto dedicato esclusivamente alla fisioterapia e alla riabilitazione con terapie all’avanguardia: onde d’urto extracorporee, tecat-diatermia, laser ad alta potenza, magnetoterapia, ultrasuoni, elettroterapia-tens, educazione posturale, ginnastica antalgica e correttiva, linfodrenaggi e massaggi.

Per info: 0734-931532

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.257 volte, 1 oggi)