SAN BENEDETTO – Ennesimo pareggio che fa inferocire il popolo rossoblu che si scaglia contro Mister e squadra.
 
Prestazione contro il Santarcangelo che fa annebbiare l’illusione del raggiungimento della vetta. La Samb sembra non esserci più con la testa, o almeno questo è quello che fa vedere ai più di 1500 supporters rossoblu che sono saliti sui gradoni mercoledì pomeriggio, qualcuno prendendo anche permessi dal lavoro, per incitare i propri beniamini.
 
I ragazzi di Mister Giudici non hanno dimostrato un briciolo di grinta, se non per la grandissima prestazione di Chessari che salva più di una volta gli errori della difesa. Ed è infatti lui è l’unico a prendere gli applausi che si alzano dagli spalti. I tifosi rossoblu, già nervosi per quanto sta accadendo alla tifoseria, visti gli ultimi divieti riguardanti le trasferte, volevano vincere a tutti i costi, sia per avvicinarsi alla vetta, quanto più per risollevare gli animi.
 
Già domenica scorsa, di ritorno allo stadio, la Samb si è trovata di fronte una ventina di tifosi che, avendo letto e sentito della partita, chiedevano spiegazioni e maggiore sforzo alla squadra. Mercoledì gli errori commessi e la poca grinta dimostrata in campo non hanno scusanti. Domenica a Jesi non ci saranno i supporter rossoblu ad incitare Ogliari e compagni, pertanto la squadra dovrà dimostrare al popolo sambenedettese di essere all’altezza della tifoseria che li seguirà da casa.
 
Troppi gli errori in campo che hanno fatto tremare gli spalti più di una volta, se non fosse stato per il pronto intervento del portiere rossoblu. A fine partita la squadra viene richiamata sotto la curva dai tifosi ed il commento non può che essere unanime: “Questa Samb è una vergogna, questa Samb è una vergogna!”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 516 volte, 1 oggi)