Da non mancare il congresso Ripe 61 dove gli Internet service provider, gli operatori di rete e tutti i soggetti interessati possono incontrarsi e scambiare informazioni. Si terrà nella capitale presso l’hotel Westin Excelsior dal 15 al 19 novembre.
Il Ripe Ncc (Network coordination centre) è l’ente organizzatore, una associazione di diritto olandese con sede ad Amsterdam, fondata nel 1989 allo scopo di  supportare l’infrastruttura di Internet attraverso un coordinamento tecnico nella regione di competenza cioè in Europa e nel vicino oriente. I membri di Ripe sono attualmente più di 7mila.
Per gli altri continenti esistono analoghe associazioni: Afrinic per l’Africa, Arin e Lacninc rispettivamente per l’America del nord e quella centro-meridionale e infine Apnic per Asia e isole del Pacifico. Sono i cinque Rir (Regional internet registry) che amministrano, distribuiscono e registrano le risorse numeriche della Rete come ad esempio gli indirizzi Ip.
Dal lunedì al venerdì si riuniranno tutti i gruppi di lavoro esistenti in seno all’associazione ciascuno dei quali avrà uno spazio per presentare le novità e i progetti in corso e per discutere e votare mozioni che regolamentano di fatto molti aspetti della gestione di Internet in Europa.
Al momento oltre 270 i partecipanti iscritti provenienti da ogni parte del mondo. Molti i nomi illustri, autori dei testi fondamentali sui quali si basa Internet (le cosiddette Rfc, request for comments) e ingegneri di fama internazionale: Daniel Karrenberg (Chief scientist presso Ripe Ncc), Geoff Huston (Chief scientist presso Apnic), João Luis Silva Damas (Internet systems consortium), Randy Bush (Internet initiative Japan), Patrik Fältström (Cisco systems).
Gli italiani, stavolta, sono circa il 10% del totale dei partecipanti, una quantità senz’altro rilevante rispetto alla media osservata agli scorsi congressi, visto che giocano in casa, ma molto al di sotto del numero di aderenti all’associazione (oltre 400).
È possibile ancora registrarsi direttamente on-line pagando per l’intero evento (350 – 400 euro) o per singole giornate (125 euro). Assai incentivata la partecipazione di studenti: il costo per i cinque giorni ammonta a 175 euro).
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 209 volte, 1 oggi)