OFFIDA – Il 22 ottobre durante il Consiglio Comunale a Offida, il capogruppo del centro destra, Simone Corradetti, ha presentato tre mozioni, firmate dagli altri consiglieri di minoranza, che sono state approvate all’unanimità.

La prima proposta servirà per garantire la massima trasparenza nei confronti dei cittadini, sulle operazioni finanziarie del Comune di Offida e sulle sue società partecipate, pubblicando i dati principali dei bilanci sul sito istituzionale dell’ente e trasmettendo anche tutti i dati anagrafici che riguardano gli eletti in Consiglio.

La seconda proposta impegnerà i Comuni italiani a costituirsi in parte civile nei processi di stampo mafioso che riguardano il proprio territorio comunale. Saranno prestate maggiori attenzioni sulle procedure d’appalto,sui percorsi di sensibilizzazione nelle scuole per educare i giovani alla legalità e avvicinandoli così alle istituzioni e nell’appoggiare tutte le attività commerciali presenti, per evitare qualsiasi forma di estorsione.

L’ultima mozione riguardava la moratoria universale contro l’esecuzione capitale, trattando in modo particolare la recente vicenda della donna iraniana Sakineh Mohammadì Ashtiani condannata a morte per adulterio. Il documento in questione sarà trasmesso al Governo italiano.

Soddisfazione espressa da parte dei consiglieri di minoranza e in modo particolare dal membro effettivo del Coordinamento regionale dell’Anci Giovane Marche, Simone Corradetti che ha rimarcato l’importanza di queste mozioni visto che erano state proposte proprio dall’ assemblea nazionale dell’associazione dei comuni italiani tenutasi a Taormina nel maggio scorso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 140 volte, 1 oggi)