SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tanto tuonò che piovve. Il Porto d’Ascoli può, finalmente, cantare vittoria con i primi tre punti conquistati in trasferta e per di più in rimonta. «Sono davvero molto contento del successo ottenuto a Montalto – ha sentenziato mister Sirocchi – e lo sono maggiormente per i ragazzi che si sono ben applicati».

«Abbiamo reagito al gol di svantaggio sfatando questo benedetto tabù che ci portiamo dietro da inizio stagione, anche se dobbiamo lavorare ancora tanto. Per cui non dobbiamo montarci la testa ma continuare con umiltà il nostro cammino» ha proseguito il trainer.

Una gara dal doppio volto: un tempo opaco e una ripresa determinante: «Stiamo costruendo qualcosa di importante, abbiamo degli ottimi mezzi tecnici ma a volte ci manca la forza mentale, quella che può fare in certe circostanze la differenza. Dobbiamo correggere il nostro approccio alla gara. Siamo atleticamente più attrezzati e quando siamo stati stuzzicati abbiamo avuto la reazione necessaria per pareggiare i conti e poi passare in vantaggio vincendo l’incontro».

Ad attendere il Porto d’Ascoli, ci saranno in ordine San Marco ed Acquaviva. Due compagini con obiettivi diversi ma che verranno al Ciarrocchi ben motivati: «Spero di conquistare almeno 4 dei sei punti in palio, non montiamoci la testa continuando a lavorare con serietà ed umiltà» ha concluso il tecnico dei biancocelesti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 59 volte, 1 oggi)