ASCOLI PICENO – Il presidente della provincia Piero Celani ha ricevuto a palazzo San Filippo una delegazione dell’Ente Nazionale Sordomuti (Ens) di Ascoli Piceno. Presenti anche il presidente provinciale Ens Luciano Vigni, Sandra Felicioni, interprete del linguaggio dei segni, e Ramona Di Ridolfi, segretario provinciale dell’associazione.

Durante l’incontro si è parlato delle problematiche delle persone non udenti e dell’erogazione di servizi più efficienti rivolti alla loro integrazione. In particolare, è stato posto il problema del riconoscimento legislativo del linguaggio internazionale dei segni (Lis). Scrivendo al senatore Antonio Azzollini, il presidente Celani ha sollecitato l’esame del disegno di legge per una più rapida conclusione dell’iter attraverso l’approvazione del parlamento.

“Si tratta di una legge – ha spiegato la Di Ridolfi – che non comporta oneri aggiuntivi per le casse dello Stato, ma è molto importante per i non udenti del nostro paese perché conferisce dignità di lingua al linguaggio dei segni dando piena cittadinanza ai corsi nelle università e scuole italiane”.

Celani ha confermato l’impegno della provincia “a individuare percorsi formativi d’eccellenza per due figure importanti quali l’assistente alla comunicazione e l’interprete professionale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 135 volte, 1 oggi)