SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Spaccio di droga in ascesa nel nostro territorio, come testimoniano anche gli ultimi eventi di cronaca raccontati da Riviera Oggi. A confermare il preoccupante dato è il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che per voce, tra gli altri, del questore Giuseppe Fiore e del Prefetto Pasquale Minunni spiega come nell’ultimo anno (ottobre 2009- ottobre 2010) nella provincia di Ascoli e Fermo (quest’ultima ancora inserita nel conteggio, vista l’attuale inesistenza di una prefettura di riferimento) il sequestro di stupefacenti abbia toccato la quota del quintale.

“Il dato si ottiene dalla somma di eroina, cocaina, ma soprattutto hashish”, spiega il vice comandante della Guardia di Finanza, Raffaele de Chiara. “Nel 2010 – continua – gli arresti sono stati 35 e i denunciati ben 70. In estate invece non si sono verificate grandi operazioni di servizio, non vi è stata un’importante diffusione”.

Sempre in estate (periodo 15 giugno 15 settembre), San Benedetto ha al contempo fatto registrare un sensibile calo nel “totale furti” del 3,36%, rispetto all’identica fetta di tempo del 2009. Frutto di un incremento del 100% negli scippi (da 4 a 8) ma allo stesso tempo di un crollo del 19% nei furti d’appartamento (da 42 a 34), del 34 in quello degli autoveicoli (da 23 a 15) e del 29% nei negozi (da 34 a 24). Da 10 a 24 infine le truffe, aumentate del 140% con i casi di estorsione (appena uno, comunque, nel 2009) e sfruttamento della prostituzione non minorile che invece si sono completamente azzerati.

SITUAZIONE ZONE LIMITROFE Poco da segnalare a Grottammare con la casella “0” occupata sia l’anno passato che nel 2010 (sempre fascia giugno-settembre) da rapine, estorsioni e sfruttamento della prostituzione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 351 volte, 1 oggi)