ASCOLI PICENO – Il capogruppo dell’Udc Francesco Viscione ha presentato una mozione per impegnare il sindaco e il consiglio comunale e predisporre entro il trenta novembre la delibera di Consiglio Comunale per l’approvazione del regolamento per l’arredo e la salvaguardia del centro storico, in modo da poterla porre all’attenzione  della commissione Affari Istituzionali ed esser operativa già entro la prossima estate.

Secondo il consigliere dell’Udc, infatti, ogni estate, quando i vari bar, pizzerie e locali espongono i propri tavolini occupando il suolo pubblico con regolare autorizzazione del Comune,  impazzano le polemiche “perché mancando un  regolamento per l’arredo urbano del centro storico, immancabilmente gli arredi sono tutti fra loro diversi e talvolta con colori ed accorgimenti che contrastano con il contesto architettonico del centro; difatti assistiamo, da un lato, ad una moltitudine di colori e forme che sicuramente contrastano con il bianco travertino delle nostre piazze e dall’altro ad un uso quasi “privato” di qualche locale (soprattutto in Piazza del Popolo) del suolo pubblico,  che dispone i propri tavoli in maniera incontrollata occupando anche ulteriore spazio rispetto a quello autorizzato e addirittura “accatastando”i propri arredi, quando non utilizzati, sotto il porticato dando un’immagine non degna di una città candidata a diventare patrimonio dell’Unesco.

Viscione chiede anche che controlli sistematici e multe che prevedano, se necessario,  anche la revoca della concessione di suolo pubblico.

“Tali situazioni di “abuso” di occupazione di suolo pubblico – conclude Viscione – garantiscono ai bar, a fronte di somme pecuniarie irrisorie rispetto all’onere della Tosap, occupazione a “basso costo” che una volta contravvenzionata dalla P.M., resta comunque ad ingombrare la piazza in quanto non è praticabile la rimozione a breve.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 267 volte, 1 oggi)