CUPRA MARITTIMA – «Siamo stupiti ed amareggiati, questi gesti sono sintomo del più totale disprezzo del bene pubblico, bene di tutti, che ognuno di noi dovrebbe invece rispettare». A parlare è il sindaco Domenico D’Annibali dopo l’increscioso episodio subito dal Comune di Cupra Marittima. Tra sabato 23 e domenica 24 ottobre infatti autori ancora sconosciuti hanno compiuto atti di vandalismo al Municipio di Cupra Marittima e all’Istituto Professionale.

Ad accorgersene il comandante della Polizia Municipale Tenente Giorgio Locci che domenica 24 intorno alle ore 14 si è recato in Comune. Insieme ad un collega si è reso conto della forzatura di alcune porte, in particolare dell’Ufficio Anagrafe e dell’Ufficio del Sindaco. Avvisato immediatamente Domenico D’Annibali e gli amministratori che hanno sporto regolare denuncia. Sono scomparsi il computer portatile del sindaco, dell’area Ragioneria e i soldi dalla cassaforte dell’Ufficio Anagrafe.

Dopo un successivo controllo è stato scoperto che anche presso l’Istituto Professionale erano stati compiuti dei furti ai distributori automatici ed è sparito un computer portatile della segreteria. «È risaputo – ha aggiunto il sindaco – che all’interno degli edifici Comunali non vi sono grosse somme di denaro, anzi a volte non ve ne sono affatto, perciò siamo portati a pensare che sia un puro atto di vandalismo fine a se stesso. Ciò che ci rammarica particolarmente inoltre è che il furto è avvenuto in un momento per noi di maggiore impegno nel rendere i servizi comunali più efficienti».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 303 volte, 1 oggi)