NERETO – Una maggiore offerta formativa per gli studenti che scelgono di frequentare il Polo scolastico di Nereto. E’ la richiesta avanzata dall’Unione dei Comuni Val Vibrata alla Provincia di Teramo, ente delegato all’approvazione del Piano di organizzazione della rete scolastica.

La Giunta dei sindaci, riunitasi nella seduta del 22 ottobre, ha così deciso di sostenere le esigenze espresse dal Comune di Nereto, inviando una formale richiesta non solo alla Provincia, ma anche ai Dirigenti scolastici provinciale e regionale.

L’intento è quello di migliorare l’offerta degli istituti scolastici di Nereto sulla base delle peculiarità del territorio, della realtà economico-sociale della Val Vibrata e tenendo anche conto della riforma del sistema scolastico d’istruzione secondaria attualmente in corso.

Alla Provincia di Teramo ed ai Dirigenti scolastici regionale e provinciale, l’Unione dei Comuni ha fatto presente che, analizzati i corsi attualmente attivi ed il flusso di provenienza degli studenti, è emersa la carenza di indirizzi quali “Scienze Umane” e “Tecnico Turistico”, che potrebbero essere quindi implementati e assorbiti dall’I.I.S.S. Peano – Rosa di Nereto con l’istituzione di nuovi indirizzi quali il Liceo delle Scienze Umane (con l’opzione Economico Sociale) e l’Istituto tecnico Turistico. Oltre a ciò, si è chiesto agli enti preposti anche l’attivazione di un Centro Provinciale di Istruzione per gli Adulti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 227 volte, 1 oggi)