MARTINSICURO – La martinsicurese Simona Di Eugenio vince il titolo iridato nei 10 mila a punti/eliminazione nei campionati mondiali iniziati domenica 24 settembre a Guarne in Colombia. Una soddisfazione per porta i colori della “Bosica pattinatori” di Martinsicuro, con l’atleta di punta della nazionale che bissa l’oro conquistato nella stessa specialità nei mondiali del 2005 in Korea.

“E’ una soddisfazione per l’intera squadra e per la ragazza che da anni lavora duramente per raggiungere questi obiettivi. Una scena indimenticabile vedere il tricolore sul pennone più alto mentre veniva intonato l’inno di Mameli” è stato il commento telefonico di papà Giovanni che, come sempre, ha seguito Simona fino in Colombia. L’azzurra si è imposta in maniera netta nella gara in cui è specialista, distaccando la giapponese Nachi Shinozuka e l’olandese Anniek Ter Haar. La prima giornata a Guarne va in archivio con gli azzurri che conquistano sia l’oro con la Di Eugenio, che il bronzo con Erika Zanetti nei 500 metri sprint senior.

Mattatori della prima giornata i padroni di casa della Colombia che conquistano sette medaglie d’oro su otto. In molte gare hanno fatto addirittura doppietta sul podio, con una dimostrazione di forza assoluta.

In questo contesto il titolo vinto da Simona Di Eugenio assume un rilievo ancora maggiore: una gara di squadra condotta in simbiosi con l’amica di sempre Laura Lardani, e che è sembrata la fotocopia della perfomance dello scorso anno ad Haining, quando Laura vinse il titolo, con il risultato finale ovviamente a parti invertite. Un titolo meritato per Simona, per la sua capacità di esprimersi costantemente ad alto livello e vivere le vittorie come le sconfitte sempre con la giusta misura. La marchigiana Laura Lardani si classifica terza nella 15mila ad eliminazione. Contentissimo della prova della ragazza truentina il coordinatore tecnico della nazionale Giovanni Martignon.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 996 volte, 1 oggi)