CUPRA MARITTIMA – Tre corsi che si terranno nella neo Scuola Civica per le discipline bio-naturali e salutari. Gli appuntamenti sono organizzati dall’Assessore alla cultura Luciano Bruni in collaborazione con Istefan, istituto Studi per le Discipline Bio Naturali e Salutari guidate dal dottor Leonardo Marchitto

Una scuola stabile di questa scienza che si promette di crescere e che chiede riconoscimenti non solo comunali ma anche provinciali. Ne esiste già una a Montefiore ma solo di piante base.

Si riaprono quindi le iscrizioni per una seconda edizione dei corsi di fitoterapia ed erboristeria con nuovi ampliamenti e con una quota simbolica e impegnativa di quindici euro con inizio corsi il ventisette ottobre e conclusione a fine giugno.

Tra le iscrizioni sono riconfermate molte persone del precedente ciclo e si intuisce una vivace partecipazione e un bell’entusiasmo. I partecipanti alle lezioni provengono anche da paesi limitrofi sia per le lezioni di fitoterapia e erboristeria in seconda e prima edizione, sia per nutriterapia e alimentazione salutare, il tutto in dodici lezioni di sessanta minuti l’una tenute dallo stesso dottor Leonardo Marchitto.

“C’è l’idea di strutturare e formare le persone nel concetto di benessere e non solo di salute, la gente ha capito che per stare meglio deve alimentarsi in maniera corretta e possibilmente con alimenti sani e semplici”, spiega Marchitto, che spiega come le terapie a base di piante siano all’avanguardia in altri paesi e come negli ultimi anni si è capito la loro utilità a supporto alla medicina tradizionale.

Il corso di erboristeria si occupa della conoscenza delle piante che siano erbe, piante medicinali, officinali, aromatiche o spezie, della loro coltivazione, raccolta, conservazione e commercio a scopi terapeutici: fitoterapia, galenica tradizionale, cosmetici o nutritivi.

“Inutile dire che l’erboristeria è un sistema che non si discosta dalla fitoterapia e che utilizza delle piante la loro parte attiva a scopo terapeutico essendo considerata una medicina alternativa o complementare”, precisa il ricercatore.

Spiega ancora: “Di una pianta medicinale si utilizzano i principi attivi, presenti solitamente in minima quantità, ovvero quei componenti naturali che per composizione chimica conferiscono ad essa un’attività terapeutica. Serve un particolare metodo di estrazione che ne possa isolare il principio attivo e che solitamente si somministra in capsule, ad esempio gli omega tre estratti dal pesce”.

In Occidente, lo scopo terapeutico delle piante per molti anni è gradualmente stato tralasciato a favore delle molecole chimiche di sintesi “ma da circa una decina di anni si sta ottenendo un netto aumento della coscienza delle cure naturali, tornando a riscoprire l’interesse verso le piante e i loro poteri”.

“Del resto anche Ippocrate citava il rimedio come terzo strumento del medico accanto al tocco e alla parola”.

Altro tema degli incontri del corso è l’affermazione, negli ultimi anni, della Nutriterapia che tiene conto e valorizza le acquisizioni più recenti in tema di Alimentazione. Grazie all’impoverimento dei terreni e a un’alimentazione basata su cibi sempre più carenti di fattori nutritivi essenziali, si è determinato un indebolimento del nostro organismo e della nostra naturale capacità di risposta e reazione ai vari agenti patogeni, microbici e ambientali.

La diffusione della nutriterapia è ormai un’esigenza con diversi approcci, sostiene Leonardo Marchitto: “Oggi le persone desiderano stare bene cominciando da una sana alimentazione dove i carboidrati non siano predominanti, equilibrando ogni elemento nutritivo”.

Altra cosa interessante a completamento del tutto sarà la conferenza generale, in data ancora da definire, comune ai tre corsi con esperti del settore della floriterapia su “fiori di Bach e fiori Australiani per il benessere”, cura alternativa ideata dal medico britannico Edward Bach.

Egli sosteneva la prevenzione di disturbi dell’umore con la teoria del singolo fiore che curerebbe il disturbo psicologico che ha causato o che potrebbe causare un certo malessere fisico.

Alla conclusione dei ciclo scolastico si parteciperà alla gita in aziende produttrici di nutraceutici e alimenti biologici con pratica e conoscenza diretta delle piante officinali.

Per informazioni e iscrizioni è possibile ancora telefonare direttamente alla parafarmacia erboristeria della dottoressa Lattanzi in piazza della Libertà a Cupra Marittima.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 416 volte, 1 oggi)