SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Il Bum smentisce Gaspari. Avevamo ragione noi”. L’accusa arriva da Daniele Primavera, consigliere comunale di Rifondazione Comunista, che torna a criticare il sindaco Gaspari in merito al tema dell’edilizia popolare sambenedettese (clicca qui per gli ultimi dati).

Il primo cittadino parlò inizialmente di 173 appartamenti complessivi, ottenuti dalla somma dei 100 previsti dal Progetto Casa, dei 36 della zona SS. Annunziata e dei 37 di Via Manara.

Un dato ribadito dopo le prime osservazioni dell’esponente di Rifondazione Comunista, che invece oggi mostra soddisfatto alla stampa la pagina 13 del Bollettino Ufficiale Municipale di ottobre: “Le strutture dell’Agraria furono previste da altre amministrazioni, del Progetto Casa non se n’è più saputo nulla, mentre in Via Manara 14 dei 37 erano solamente da ristrutturare. In questi cinque anni quindi gli alloggi messi realmente a disposizione ex-novo sono stati i restanti 23. Appena quattro richieste accontentate l’anno e  considerando che le domande sono 371, possiamo dire che queste riceveranno una risposta non prima del 2102”.

Il disappunto di Primavera si sposta infine sull’assessore alle Politiche Sociali Loredana Emili, che assieme al vice-sindaco Antimo Di Francesco ha recentemente rilasciato un comunicato nel quale si registra la soddisfazione per l’assegnazione degli alloggi a sei genitori single sugli 84 totali che avevano posto regolare domanda: “Credevo si sarebbero scusati del disservizio, invece hanno al contrario sottolineato i meriti della maggioranza. Sono allibito”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 228 volte, 1 oggi)