SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mal di trasferta, verrebbe da dire. Eppure i numeri parlano chiaro: tre gare giocate lontano dal Ciarrocchi e un solo punto raccolto quando oramai sta per scoccare la sesta di campionato per il Porto d’Ascoli. Ne parliamo con mister Massimo Sirocchi.

Mister, un tabù che va sfatato.
“Pecchiamo di inesperienza e questo ci porta ad essere meno accorti nel corso della gara. Quando andiamo in giro per i campi giochiamo ma veniamo puniti dall’avversario proprio nel momento più importante dell’incontro”.

Ciononostante, il gol della sconfitta giunge puntuale qualora la squadra si era avvicinata al vantaggio.
“Basta pensare alle partite di Ripa e Monsampolo, potevamo segnare invece abbiamo preso il gol e perso dei punti importanti. Dobbiamo compattarci meglio, siamo forti in fase di possesso meno in quella di non possesso. Ci manca il carattere, non battagliamo”.

E sabato, in casa, arriva la Jrvs Ascoli.

“E’ una squadra ostica, imprevedibile: può vincere con tutte e perdere con l’ultima in classifica. Ci stiamo preparando per condurre noi la gara e bisogna stare attenti a non prendere il gol”.

Tanto che la squadra non ha fatto la solita partitella infrasettimanale ma è stata fatta una seduta ti tattica e tecnica per apportare migliorie in tutti i reparti. Non prenderà parte all’incontro di sabato Virgili, fermato un turno dal Giudice Sportivo. Influenzato Straccia mentre Fiorino sarà assente per motivi extracalcistici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 106 volte, 1 oggi)