MASSIGNANO – “Il Consiglio Provinciale ha adottato una variante al Piano Territoriale di Coordinamento che, ha vietato la realizzazione di impianti fotovoltaici a terra di potenza superiore a 50 kW, nelle zone agricole. Il sindaco di Massignano Marino Mecozzi, nonostante il nuovo regolamento ha rilasciato quattro permessi a costruire per una potenza complessiva di circa 3670 kW”: è questa la denuncia del consigliere comunale di minoranza a Massignano, Marco Del Prete, circa quanto, a sua detta, sarebbe avvenuto nella località picena in un recenter consiglio comunale.

Hanno affiancato la battaglia di Del Prete anche i consiglieri provinciali di opposizione, Massimo Rossi e Gabriele Illuminati di Rifondazione Comunista, i quali si sono rivolti alla magistratura con un esposto nei confronti del sindaco di Massignano per il procedimento a loro avviso poco trasparente.

Nell’ultima seduta consigliare del Comune di Massignano infatti, pare che il sindaco, abbia negato una risposta alla specifica interrogazione del consigliere Del Prete appellandosi alla “privacy”.

I tre rappresentanti politici non si dichiarano contrari a questa tecnologia quanto alla limitazione del fotovoltaico in terreni agricoli e gradirebbero che tali impianti, per la tutela del paesaggio, venissero posizionati sopra ai capannoni industriali.

“Proprio al fine della salvaguardia paesaggistica ed ambientale nonché della correttezza e della legalità dei comportamenti della Pubblica Amministrazione ci siamo sono rivolti alla Magistratura per chiedere che si faccia piena luce sulla regolarità dei procedimenti adottati per il rilascio dei permessi a costruire” concludono i tre consiglieri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 632 volte, 1 oggi)