CUPRA MARITTIMA – Aiutare il Nepal è possibile. Nell’ambito degli appuntamenti di “Conoscerci per incontrarci”, Letizia Banchig, operatrice di Help Nepal, ha raccontato , sabato 2 ottobre presso la sala consiliare, la realtà del paese asiatico ed i progetti realizzati dall’associazione della quale fa parte. «L’associazione Help Nepal si occupa principalmente di aiutare le donne, i bambini di strada ed i ragazzi malati di cuore. Le donne infatti in Nepal vivono in condizioni disumane e fanno i lavori più pesanti anche fino al nono mese di gravidanza. Per questo soffrono e muoiono di prolasso dell’utero. La nostra associazione ha istituito dei campi medici appositi dove decine di infermieri insegnano loro una ginnastica riabilitativa che permette di stare meglio».

«Una grossa piaga per il Nepal – ha proseguito la Banchig – è poi quella dei bambini di strada che, abbandonati dai genitori, vivono in città sniffando colla. Il nostro centro possiede una casa per bambini di strada che ha lo scopo di dare loro una vita il più normale possibile. Non è stato facile, ma ora accogliamo e diamo da mangiare a circa 130 bambini. Abbiamo anche creato un centro per insegnare loro a fare pizza e pane, in modo da insegnargli un mestiere e renderli un giorno indipendenti».

Ha concluso infine l’operatrice: «Con le nostre attività cerchiamo anche di occuparci della salute dei ragazzi. In Nepal infatti il sistema sanitario è tutto a pagamento, sono gratuite solo le cure per i bambini dai zero ai dodici anni. Con Hel Nepal cerchiamo di rispondere alle urgenze dei giovani dai 15 ai 18 anni, in particolare dei malati di cuore».

Dopo questo interessante pomeriggio con la Banchig, “Conoscerci per incontrarci” sta preparando un altro appuntamento: sabato 9 ottobre alle ore 9.30 al Cinema Margherita Fabio Gheda e Enaiatollah Akbari presentano il libro “Nel mare ci sono i coccodrilli”, la storia vera di un ragazzo, oggi ventunenne, e della sua odissea.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 178 volte, 1 oggi)