ASCOLI PICENO – Il Giudice delle Udienze Preliminari Alessandra Panichi ha emesso nella tarda mattinata  di oggi, martedì 5,  la sentenza nei confronti di Carlo Maria Santini ed Enrico Maria Mazzocchi: 3 anni e 4 mesi di carcere al primo, 2 anni e otto mesi al secondo. I due diciannovenni vennero arrestati quasi un anno fa nell’ambito dell’Operazione “Facebook” condotta dalla Polizia, e in seguito accusati di volenza sessuale di gruppo nei confronti di una ragazza di sedici anni.

A settembre dello scorso anno, i due si intrattennero nell’appartamento di proprietà del Santini con la giovane e,  dopo averla fatta ubriacare, avrebbero tentato di approfittare di lei.  In seguito a delle intercettazioni ambientali effettuate nell’automobile di uno dei due ragazzi,  col tentativo di ricostruire l’accaduto,   fu possibile ascoltare le loro conversazioni . Conversazioni che secondo l’accusa rappresenterebbero delle vere e proprie ammissioni di colpa, mentre secondo la difesa altro non sarebbero che “spacconate” da ragazzi. I due avvocati difensori, Carlo Grilli per Santini ed Alessandro Angelozzi per Mazzocchi, avevano  chiesto ed ottenuto  il rito abbreviato perciò l’udienza preliminare di oggi ha rappresentato l’ultima fase del processo di primo grado.

I due ragazzi hanno atteso la sentenza in Tribunale assieme alle loro famiglie. Quanto emesso dal Gup Alessandra Panichi ha rispettato in pieno la richiesta del Pm. L’avvocato Grilli aspetta di leggere nel dettaglio la sentenza per poter preparare il ricorso in appello. «Al momento non ci sono commenti da fare – dice – perchè aspettiamo di leggere le motivazioni del Giudice entro sessanta giorni, dopodiché valuteremo l’impugnazione».

«Nessun trionfalismo – dice invece l’avvocato Anna Laura Luciani, difensore della giovane coinvolta nella vicenda  – perché ci sono di mezzo situazioni di vita privata che non fanno piacere a nessuno. Siamo però soddisfatti del fatto che sia stata accertata la verità».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 956 volte, 1 oggi)