ASCOLI PICENO – Esordio casalingo stagionale tecnicamente brillante, ma non vincente per la Cestistica Ascoli che, nella partita del campionato maschile regionale di serie C di basket disputata il 2 ottobre, ha concesso la vittoria per 79 a 70 ad un valido Porto Recanati.
Gli ospiti hanno dominato l’avvio chiudendo il primo quarto con 10 punti di vantaggio grazie alle giocate di Kastmiller e Graciotti, ma anche per gli errori nei tiri liberi dei padroni di casa.
La strategia delle sostituzioni adottata dal coach della Cestistica raggiunge lo scopo di contenere l’agonismo degli ospiti e rivitalizzare la squadra locale che, archiviato il primo tempo ancora sotto di 11 punti, dopo l’intervallo mostra una maggiore concentrazione e dà vita a una straordinaria rimonta, fino a raggiungere la parità sul 59 a 59 a 4,29 minuti dal termine.
Nel finale si verificano alcuni episodi dubbi, con decisioni arbitrali giudicate “incomprensibili” dalla società ascolana.
In particolare, a lasciare perplessi giocatori e pubblico è stata l’espulsione, a due minuti dal termine, dell’ascolano Di Silvestro e dell’avversario che l’aveva colpito facendolo cadere fuori dal rettangolo di gioco, seguita dall’assegnazione di due tiri liberi agli ospiti, per due falli di reazione rilevati a carico di Di Silvestro.
L’incontro si è  comunque concluso senza tensioni fra le squadre, ma il commissario si è trattenuto a discutere a lungo con gli arbitri, Monaco di Senigallia e Barbaccia di Castelfidardo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 112 volte, 1 oggi)