ATESSA – E’ un piede destro, ma segna mancino. E’ acciaccato, ma ci regala una perla. E’ al primo gol in assoluto alla Samb, e che gol. Pasquale Rulli ha raddrizzato una partita regalandoci un gol da conservare in memoria, uno di quei gol che non si fanno tutti i giorni.
“Mi sono accentrato in orizzontale e con la palla sul sinistro ho scelto di provarci, anche se non è il mio piede. L’ho colpita proprio bene, non potentissima ma pulita. E’ stata una grande gioia, si è visto no?”. E meno male che era pure acciaccato, il nostro polmone di centrocampo. Ha un problema muscolare, un risentimento, che lo ha fatto stare fermo due giorni in settimana, senza allenarsi. Per la serie: come stringere i denti e dare il meglio di sé stessi.
Il bomber Pazzi poi è concorde con Giudici: “Gli avversari non è che abbiano fatto granché. Nella prima mezz’ora non hanno mai tirato in porta, su questo campo così piccolo ci sono le condizioni ideali per chi difende. Certo, noi dobbiamo migliorare, ma andare avanti con continuità di risultati e rimontare gli svantaggi in trasferta non è mica da buttar via. Se consideriamo i problemi fisici, i giocatori ancora non in condizione, io la vedo positiva”.
Il portierino Lima descrive il gol preso: “Molto bravo Soria, non ci potevo fare nulla. Comunque è la stagione in cui prendo meno gol, merito dei nostri difensori”.
A proposito di difensori invece il mister dell’Atessa va controcorrente: “Il terreno di gioco piccolo? Beh, forse su un campo grande avremmo avuto ancora più buon gioco contro la difesa della Samb. Grieco? Sì, l’ho allenato l’anno scorso, ha grandi numeri anche se è un poco discontinuo. Ma è un bel giocatore”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 704 volte, 1 oggi)