SAN BENEDETTO DEL TRONTO – De Vecchis e Primavera dall’opposizione gridano alla cementificazione, la sua maggioranza chiede ulteriori approfondimenti sulla delibera che stava per sancire l’aumento di cubatura per il residence Acquamarina.
Ma il sindaco Giovanni Gaspari è tranquillo e afferma: “Guardate, sono solo quattro le strutture ricettive che hanno sviluppato effettivamente un indice volumetrico di due metri cubi su metro quadro nelle zone cosiddette di completamento. Chi ha sviluppato quattro metri cubi su metro quadro, la stragrande maggioranza dei casi, non può beneficiare degli aumenti volumetrici. Quindi non vedo il motivo di tutta questa preoccupazione per eventuali speculazioni”.
Eppure è stata la sua stessa maggioranza, su richiesta del capogruppo Pd Claudio Benigni, a chiedere maggiori approfondimenti tecnici sulla delibera che lunedì sera doveva concedere l’aumento di cubatura al residence di via Maffei.
“Abbiamo accolto le richieste dell’opposizione, che era veramente preoccupata e paventava chissà quali speculazioni. Ripeto, la norma parla chiaro e sono pochi quelli che possono beneficiare di aumenti volumetrici del cento per cento in quelle condizioni”.
Ad ogni modo, la maggioranza sta valutando di fornire una cosiddetta interpretazione autentica alla variante articolo 29, in modo da stabilire un limite temporale massimo entro cui si possa beneficiare dell’aumento di volumetria dietro impegno ventennale a mantenere la destinazione turistica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 437 volte, 1 oggi)