ASCOLI PICENO – Biglietti Start troppo cari, confort non adeguati, tratte cambiate: l’assessore provinciale ai Trasporti, il Pdl Filippo Olivieri, risponde alle polemiche sollevate dal responsabile alle Politiche Giovanili del Pd di Offida, Massimo D’Angelo.
«In merito al trasporto scolastico per l’anno 2010/2011, si precisa che l’aumento delle tariffe dei servizi di trasporto pubblico locale su gomma non è stato disposto dall’Amministrazione Provinciale ma è stato deliberato dalla Regione Marche il 30 luglio scorso, stabilendo l’aumento del 7% sulle tratte da 1 a 5 km, l’aumento del 4% per le tratte da 6 a 8 km rimanendo invariato il costo degli abbonamenti e dei biglietti per le tratte superiori a 9 km. La distanza chilometrica che separa il Comune di Offida da San Benedetto del Tronto o da Ascoli Piceno comporta quindi un aumento dei costi pari al 7%».
Olivieri poi aggiunge che l’inizio dell’anno scolastico ha visto l’impegno della Provincia e della Start per raccordare i vari istituti scolastici affinché predisponessero e scaglionassero le uscite degli studenti in modo omogeneo sulle due fasce orarie 13.00 e 14.00.

«La conseguenza inevitabile della riformulazione globale del trasporto studenti in uscita – afferma l’assessore della giunta Celani – ha comportato inevitabilmente una serie di disguidi e disagi nella fase iniziale. A differenza di tutti gli altri Istituti l’Istituto Magistrale ha scelto di mantenere i vecchi orari con l’uscita alle ore 13,25, da ciò deriva la problematica sollevata di cui sopra. Ad ogni buon conto questa Amministrazione provinciale nell’ottica di risolvere i disagi intende convocare un’apposita riunione con il Dirigente Scolastico e l’Azienda di trasporto».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 434 volte, 1 oggi)