MARTINSICURO – Le scuse ai cittadini e il ritiro immediato dell’ordinanza antischiamazzi: tanto dovrebbe fare il sindaco Di Salvatore secondo gli ex An dopo il polverone sollevato per il provvedimento che multa i rumori molesti negli appartamenti del sesso a pagamento, che tanta eco mediatica ha avuto a livello nazionale.

«Ci ha fatto diventare lo zimbello d’Italia a causa di un’ordinanza assolutamente inefficace per combattere la prostituzione in appartamento. Va pertanto ritirata o annullata subito».

Per il gruppo di opposizione infatti il documento presenta numerosi aspetti discutibili e che danno adito ad interpretazioni e probabili contestazioni: «In base a quale criterio si potrà stabilire che è stata superata la soglia di tolleranza del rumore per far scattare gli accertamenti e le multe? Inoltre – aggiungono – chi farà i controlli notturni se i Vigili Urbani lavorano fino alle 20?». I due consiglieri di opposizione affermano che l’ordinanza sarà occasione per alimentare o esasperare le liti di condominio, con i condomini che avranno un mezzo in più per denunciarsi a vicenda.

«Non è questo il modo per affrontare il problema – aggiungono – quanto piuttosto avviare controlli su chi affitta gli appartamenti e su chi li occupa, in particolar modo quelli sul lungomare. Di Salvatore deve commissionare accertamenti contro l’evasione fiscale e faccia conoscere, come avevamo chiesto in consiglio comunale, i nomi dei locatori su cui si riscontrano delle irregolarità, siano essi privati o agenzie immobiliari».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 152 volte, 1 oggi)