ASCOLI PICENO – E’ stato firmato ieri, giovedì 16, con la presenza del Governatore Gian Mario Spacca, un accordo di collaborazione tra la Regione Marche, il Comune di Acquasanta, il Corpo forestale dello Stato, l’Arpam, la Provincia di Ascoli Piceno, la Ciip spa e Federazione Speleologi Marche, il GSM-Cai di Ancona, per la bonifica ed il recupero del complesso termale di Acquasanta.

«Con questo atto la Regione rientra in possesso di un bene prezioso – ha detto Spacca – importante nel contesto dello sviluppo di un territorio non solo per la sua conservazione e per l’equilibrio ambientale ma soprattutto perché simboleggia la vita, il lavoro e il reddito economico e familiare della nostra comunità locale. Oggi la crescita delle Marche è legata non più solo ad un modello manifatturiero da sostenere ma a un nuovo ciclo policentrico teso a valorizzare la molteplicità delle risorse di un territorio che ha tante ricchezze e opportunità. Il progetto di rilancio e bonifica delle terme di Acquasanta va in tale direzione».

Nel Teatro “Combattenti” di via Salaria, al momento della firma oltre a Spacca erano presenti  il Sindaco di Acquasanta Terme Barbara Capriotti, il dirigente regionale della Protezione Civile Roberto Oreficini Rosi e direttore generale dell’Arpam, il Comandante Regionale del Corpo Forestale dello Stato.

In particolare, il sindaco Barbara Capriotti ringraziando la Regione ha anche ricordato l’impegno della Protezione civile e dell’Arpam che da oltre un anno stanno lavorando ai rilevamenti, monitoraggi e controlli ambientali necessari a scoprire e risolvere le cause dell’inquinamento delle fonti termali. In particolare delle acque sulfuree delle grotte ma anche di quelle superficiali di tutta l’area circostante che appunto confluiscono nel sistema ipogeo sottostante la cittadina di Acquasanta Terme.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 415 volte, 1 oggi)