SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella serata di giovedì 16 settembre  il 118, Carabinieri, agenti del Commissariato e Polizia Municipale sono dovuti intervenire presso una casa situata nel Paese Alto in Contrada Marinuccia.

Cittadini allarmati avevano richiesto l’aiuto delle Forze dell’Ordine perché un uomo sulla trentina era andato in escandescenze perdendo il totale controllo di sé. Il soggetto, che soffre di disturbi psichici, si era barricato in casa e, munito di un coltello con una lama di circa venti centimetri, ha iniziato a minacciare chiunque cercasse di accostarsi all’ingresso della sua abitazione.

E’ così iniziata una lunga opera di dissuasione verbale da parte delle Forze dell’Ordine che dalle ore 18 alle 22 hanno cercato di convincere l’uomo a scendere a più miti consigli. Alla fine ha accettato le condizioni della resa ed è stato trasportato con un’auto civetta dei Carabinieri presso il reparto psichiatrico dell’Ospedale Civile Madonna del Soccorso sotto il regime di T.S.O (Trattamento Sanitario Obbligatorio).

Un provvedimento emanato dal sindaco che dispone che una persona sia sottoposta a cure psichiatriche anche contro la sua volontà, normalmente attraverso il ricovero presso i reparti di psichiatria, quando non sussistono altre modalità di intervento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 915 volte, 1 oggi)