SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lingua in poesia, musica: venerdì 17 settembre alle ore 21.30 presso l’Hotel Progresso di San Benedetto del Tronto, l’Associazione “I luoghi della scrittura” presenta il libro, di recente stampa per le edizioni Marte, “Cande salate” di Angelo Ercole.

Angelo Ercole è un poeta dialettale esistenzialista che, con un suo personalissima irrequietudine di ideale navigante (lui è abitatore di un mondo di marinai), non si accontenta di pescare e portare a riva (trasfigurandolo poeticamente) il bottino di antiche sapienze proverbiali popolari, ma si spinge ad esplorare le correnti profonde, i flutti e le risacche di quel mare di antichità proverbiali, sciogliendone il nodo della illusione consolatoria, cercando, oltre il porto chiuso e protettivo del fiabesco, il mare aperto e periglioso, le scogliere dei dubbi, la rotta verso l’orizzonte che non ha fine.

Ecco, un poeta marinaro, perché agile ed elegante è la sua vela, e fascinose le sue rotte. Un libro da leggere, per tutti.

Angelo Ercole, nato nel 1943 a San Benedetto del Tronto, è ritenuto dalla critica specializzata fra i maggiori poeti dialettali marchigiani. Oltre a questo suo secondo libro di poesie, Cande salate, ne ricordiamo l’esordio in dialetto con la raccolta Ne mme cercà, (Periferia, Cosenza 2003).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 185 volte, 1 oggi)