COLONNELLA – La rete come mezzo di partecipazione dei cittadini e come strumento di condivisione di idee per la stesura del programma elettorale. Si affida ad internet e alla comunicazione via web il movimento “CamminoComune” nato a Colonnella come alternativa all’attuale amministrazione Iustini alle prossime amministrative 2011.

La presentazione ufficiale si è tenuta venerdì 10 settembre in una sala Flaiano gremita, con la presenza del Vicepresidente della Provincia Renato Rasicci e la partecipazione del gruppo di opposizione guidato da Matteo Marchetti.

«CamminoComune  si pone come obiettivo principale non la creazione di una lista elettorale – ha affermato il moderatore della serata Stefano Strozzieri – bensì di un programma condiviso con i cittadini su cui ragionare e discutere sin da ora. Vogliamo dire basta ai soliti programmi preconfezionati, presentati ad un mese dalla campagna elettorale e puntualmente disattesi dopo il voto. CamminoComune – ha aggiunto – vuole elaborare un programma che parta dal basso, e non imposto dall’alto come invece di solito accade. Per tale motivo abbiamo creato il sito internet dove tutti i cittadini potranno inviare riflessioni, suggerimenti, segnalazioni sulle principali questioni inerenti la città e su cui ragioneremo insieme».

Il portale nelle intenzioni degli organizzatori avrà la funzione anche di informare sulle attività e iniziative del movimento, con un occhio di riguardo anche nei confronti di chi non è troppo avvezzo alla tecnologia: periodicamente infatti le pagine con gli aggiornamenti saranno stampate e diffuse nei locali pubblici di Colonnella.

«E’ ora di dire basta ad un certo modo di fare politica – ha aggiunto Marchetti – che concentra puntualmente ad ogni tornata elettorale l’interesse principale esclusivamente sul candidato sindaco di turno e non sui programmi, focalizzandosi sul “chi” governa piuttosto che sul “cosa fare”».

Marchetti ha poi elencato una serie di situazioni che per il gruppo di opposizione necessitano di interventi urgenti, come la riqualificazione del centro storico e del patrimonio immobiliare del Comune (tra cui palazzo Pardi e l’ex edificio comunale, in disuso), la promozione del territorio e «il contrasto alla selvaggia speculazione edilizia che ha caratterizzato il disarmonico sviluppo urbanistico in diverse zone di Colonnella». Attacca anche sull’assenza di politiche sociali e sull’inesistente dialogo e confronto tra gli amministratori e la popolazione.

«Vogliamo ridare fiducia ai cittadini delusi e sfiduciati da questa maggioranza assente, rendendoli partecipi e consapevoli nella redazione di un programma di sviluppo per il nostro paese. Solo al termine di questo percorso – ha concluso – si penserà alla scelta del futuro candidato sindaco».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 323 volte, 1 oggi)