SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “La Sfida” può partire. Si svolgerà sabato e domenica, al largo delle coste rivierasche, la decima gara di pesca sportiva al tonno ispirata al principio del catch  and release. Prenderanno parte alla manifestazione oltre trenta imbarcazioni e 120 persone. Il vincitore del torneo sambenedettese parteciperà alla finale tra i vincitori di tutte le competizioni organizzate nel 2010 dall’Igfa (International Game Fish Association), in programma per fine maggio 2011 a Cabo San Lucas, in Messico.

Le prede catturate, una volta pesate, verranno ributtate in mare senza subire conseguenze, grazie a ad ami biodegradabili che non provocano conseguenze agli organi interni del pesce. Prima del rilascio inoltre, ai tonni in questione verranno installati dei tag, ricevitori adibiti a registrare diversi dati quali la temperatura dell’acqua, la profondità e la posizione dei pesci per un tempo prestabilito di almeno sei mesi. Una volta trascorsi, i “sensori” si staccheranno (anche in questo caso senza danneggiare i tonni) e torneranno in superficie, trasmettendo al satellite i dati elaborati, utili all’analisi dei percorsi e degli agenti inquinanti delle acque.

«Da parte dell’amministrazione c’è la volontà di far ripartire l’economia attraverso il porto», ha dichiarato soddisfatto il sindaco Gaspari che ha voluto ringraziare il Presidente del Circolo Nautico di San Benedetto Rolando Rosetti ed il presidente dell’Ifga, Robert Kramer. «Il nostro Circolo – ha aggiunto – sta gradualmente crescendo, riuscendo ad incrementare numero di partecipanti ed attività».

PREMIO DE NARDIS Nel corso della serata celebrativa tenutasi a Villa Brancadoro è stata inoltre premiata Manuela Maloni, la sedicenne vincitrice del “Premio Massimo De Nardis – Per un racconto di mare”. Frequentante il I liceo Classico, la ragazza si è aggiudicata la rassegna e i 1500 euro in palio con il racconto intitolato “Il Faro”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 351 volte, 1 oggi)