SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Prendere un (valido) rinforzo in attacco già a maggio? Ottima cosa, ma se ci si mette di mezzo la burocrazia, italiana e greca, non c’è tempismo che tenga: Santiago Bianchi, dopo aver saltato la trasferta di Civitanova (e, prima ancora, il turno di Coppa), sarà costretto a rimanere in tribuna anche per Samb-Forlì, seconda giornata del campionato di serie D.

Contrariamente a quanto appreso in precedenza, la società rossoblu ha scoperto che il transfer da parte della Federazione greca (Bianchi l’anno scorso aveva militato nell’Aias Salamina, squadra della serie C greca) non era mai arrivato in Figc. Solo dopo la sollecitazione da parte della Samb, comunque, la Federcalcio si è attivata, ma dalla Grecia, nonostante le telefonate dei dirigenti rossoblu fin dalle ore 8 di venerdì, non è arrivato il fatidico fax. Nulla da fare, quindi, per Samb-Forlì: non ci sono più i tempi per l’ok a Bianchi, se ne parlerà (speriamo) la prossima settimana.

Grossi problemi, dunque, per l’attacco rossoblu, già privo di Cristian Pazzi: sembra meno grave del previsto, comunque, la distorsione del bomber fermano, che potrebbe tornare in campo già a Fossombrone per la terza giornata. Poche le opzioni a disposizione di mister Palladini: rimpolpare il centrocampo oppure affiancare a Covelli l’under Anthony Carioti, nel precampionato impiegato perlopiù come esterno destro ma abile anche come punta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 346 volte, 1 oggi)