ALBA ADRIATICA – Molto probabilmente è da attribuire ad un malore la causa della morte di Elio di Giandomenico, 47enne teramano, che ormai da molti anni esercitava la professione di bagnino ad Alba Adriatica nel periodo estivo. L’uomo era anche un sub esperto ed appassionato di pesca subacquea, tanto che faceva quasi quotidianamente immersioni al largo. Non uno sprovveduto quindi, e conosceva bene il mare e i suoi pericoli. Ieri sera è uscito come sempre con il pattino, nonostante le condizioni del mare non fossero proprio ottimali. Una situazione però non sconosciuta all’uomo, vista la sua esperienza.

Poi però non avendo fatto ritorno a casa la famiglia ha allertato i soccorsi e nella notte sono state avviate le ricerche, conclusesi con il ritrovamento del corpo intorno alle 8 di stamattina. Indossava la muta da sub e sembra anche avesse addosso un cinturone con i piombi utilizzato per avere una maggiore stabilità sott’acqua.

Ora sarà l’eventuale autopsia, qualora sia disposta dal magistrato, a fornire certezze sul decesso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.343 volte, 1 oggi)