GROTTAMMARE-URBINO 1-0 (1°T. 0-0)
GROTTAMMARE (4-4-2): Camaioni (91); Adamoli, Falà (92)- (84’ Allevi 92), Corradetti, Giovagnoli; Nardini (65’ Bollettini), Traini, Orlandi, De Angelis (80’ Oddi); Parma, Ludovisi.
A disposizione: Pompei (93), Colletta (92), Piemontese (92), Cataldi (92). Allenatore: Paolo Del Moro
URBINO (4-3-3): Vescovi; Luchetti, Piersanti, Santi, Ciccarelli; Bellagamba (84’ Antonelli), Sabbatini (38‘ Pierleoni), Cesari; Bruscaglia (71’ Garbugli), Baffioni, Guidi.
A disposizione: Gualazzi, Biagiotti, Cecconi. Allenatore: Antonio Ceccarini.
ARBITRO: Paoletti di Ascoli Piceno (Ciabbattoni-Mascetti di Ascoli Piceno)
RETI: 80’ Ludovisi (G) su rigore.
Espulsi: al 68′ Ciccarelli (U) rosso diretto e mister Ceccarini(U) per proteste.
Ammoniti: Giovagnoli, Corradetti, Traini e Bollettini (G), Luchetti, Baffioni e Vescovi (U).
Angoli: 8-1.
Recuperi: 2’+4’.
Spettatori 100 circa.

GROTTAMMARE – Riscatto per il Grottammare calcio che dopo l’immeritato ko di Urbania si prende la sua rivincita battendo un’altra squadra urbinate, l’Urbino (che aveva battuto all’esordio l’Atletico Piceno) , agganciandolo al secondo posto (dietro a sette squadre a quota 4 punti) in classifica a quota 3 punti (così come l’Urbania sconfitto a Macerata). L’esordio casalingo stagionale dunque è stato positivo per i Del Moro boys, che hanno combattuto fino alla fine meritando i 3 punti conquistati seppur a fatica, grazie ad un rigore netto guadagnato da De Angelis e trasformato dal solito Ludovisi (già a quota 2 reti, dopo le 14 della scorsa stagione) a 10 minuti dal termine.

La cronaca-Partono bene i padroni di casa, con Orlandi che spedisce una punizione in direzione della porta, ma Vescovi smanaccia e la difesa spazza via. Al quarto d’ora c’è una triangolazione Ludovisi-Parma-Ludovisi, che si conclude col portiere urbinate che toglie il cuoio dai piedi del bomber di Velletri. Al 23’ Piersanti su punizione mira la porta biancoceleste, ma Camaioni si butta e a saponetta para. Al 46’ Orlandi crossa per De Angelis, ma il tiro del folletto di Comunanza si infrange tra le braccia dell’attento Vescovi.

La ripresa parte con una punizione di Ludovisi, che mette in mezzo per Corradetti, il quale di testa serve sul secondo palo Traini, che in rovesciata mira l’angolino, ma il portiere gialloblù devia in corner. Al 58’ Adamoli crossa dalla sinistra per Nardini, che dal limite dell’area di rigore tira verso angoletto, ma Vescovi non si lascia sorprendere.
Al 68′ Ciccarelli colpisce (presunto fallo di reazione ad un precedente colpo subito, sostengono i ducali) a gioco fermo Parma che finisce a terra. Il direttore di gara Sig. Paoletti estrae il cartellino rosso al difensore gialloblu e poco dopo al tecnico Ceccarini per proteste. Al 70’ si vede l’Urbino con Guidi, che spara un proiettile dalla trequarti addosso a Camaioni che blocca in due tempi.

Al 79’ giunge l’azione che porta al vantaggio il Grottammare: il neo entrato Bollettini crossa per Ludovisi, il cui tiro viene ribattuto da Vescovi, De Angelis è pronto per il tap-in vincente, ma il portiere feltresco lo atterra, impedendogli di indirizzare la sfera. Il direttore di gara indica il dischetto, su cui si reca capitan Ludovisi, che trasforma, siglando l’1-0 .
All’89’ ancora Ludovisi ci prova dalla trequarti, ma il suo tiro è centrale e poco potente.

Domenica i biancocelesti saranno ospiti (al Della Vittoria di Macerata e non all’Helvia Recina, che è in fase di ristrutturazione) della Fulgor Maceratese (che ha sconfitto proprio l’Urbania, che domenica scorsa ha battuto i rivieraschi), una delle sette attuali squadre al comando. Mentre l’Urbino ospiterà l’Ancona reduce da due 0-0 consecutivi (con Vis Pesaro e Biagio Nazzaro).

Queste le dichiarazioni rilasciate nel dopo partita dai due tecnici:
Del Moro legittima la vittoria dei suoi e il rigore da cui è scaturita: «Abbiamo ampiamente meritato la vittoria, infatti abbiamo rigore a parte avuto almeno quattro limpide occasioni per segnare. E poi il rigore era nettissimo».
Punta il suo obiettivo stizzito verso l’arbitro Paoletti, il tecnico urbinate Ceccarini:« Gli errori arbitrali hanno nettamente influito sul risultato finale di una partita nella quale avremmo nettamente meritato il pareggio. L’espulsione di Ciccarelli è avvenuta per un fallo di reazione, ma il provvedimento ha riguardato solo il nostro difensore e non anche l’avversario che poco prima lo aveva colpito. Il rigore che ha deciso il match era inesistente, il nostro portiere Vescovi aveva preso il pallone. Questo arbitro (Paoletti) già l’anno scorso a Jesi, ci aveva fischiato contro un rigore simile che non c’era. Per noi era importante arrivare imbattuti all’atteso match contro l’Ancona.».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 189 volte, 1 oggi)