SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un divorzio nella sostanza, anche se non ancora nella forma. Il rapporto tra Giovanni Gaspari e Sinistra Ecologia e Libertà sembra essere giunto ai titoli di coda, nonostante le recenti belle parole del sindaco, intenzionato in vista delle prossime elezioni comunali a ricucire i rapporti con almeno una parte della sinistra radicale.

Tanti, troppi gli incidenti di percorso nell’arco degli ultimi mesi, che potrebbero raggiungere il culmine con la nota vicenda della Mega-Variante sulla quale pende l’ipotesi di un Referendum consultivo, proposto da un comitato civico del quale fanno parte anche Luca Spadoni e Giorgio Mancini, alfieri di Sel a San Benedetto.

«Se non cambia il testo della delibera, non la farò stampare», aveva minacciato il primo cittadino sabato scorso contestando la non completezza che a suo avviso si percepiva nel quesito referendario redatto dal comitato “Prg a crescita zero”.

«Il sindaco non ha voce in capitolo, lo Statuto non prevede che ci debba essere un vaglio del testo», ribatte Giorgio Mancini. «Se davvero si rifiutasse di pubblicarlo, sarebbe un abuso di potere e saremmo pronti a ricorrere al Prefetto». E sulla presunta mancanza di oggettività precisa: «Andava fatta una sintesi, non avremmo potuto elencare tutte le opere previste dal progetto».

Un muro contro muro difficile da annullare, e se è vero che nel comitato cittadino oltre al movimento vendoliano compaiono numerosi altri esponenti locali di ideologia trasversale, va altresì osservato come questa spaccatura possa complicare i piani del Partito Democratico per il 2011.

Un Pd che comunque – ed ecco un’altra avvisaglia di probabile frattura definitiva – fin’ora non avrebbe convocato ufficialmente Mancini & Co per gettare le basi di un’alleanza. «Questa storia deve finire. I dirigenti del partito non ci hanno mai ricevuto, mentre con il Comune il confronto manca dall’aprile 2008. A questo punto ci consideriamo fuori». Senza dimenticare infine le nette spaccature a livello programmatico: «Nel 2006 i propositi erano ben precisi. Molto non è stato fatto e riteniamo che Gaspari sia inadatto per il futuro».

FESTA SEL Intanto è prevista per il 10 settembre la festa sambenedettese del partito vendoliano. Si discuterà di politica nazionale con Gennaro Migliore (21.30), ma pure di impianti fotovoltaici, spesso protagonisti di polemiche quando realizzati in zone agricole (ore 17.30): «Parteciperanno tra gli altri Massimo Rossi ed Olimpia Gobbi. Ho saputo che il sindaco si è risentito del nostro mancato invito, motivato da problemi logistici che ci hanno costretto a ridurre a una le giornate della manifestazione. Se volesse intervenire sul tema sarebbe il benvenuto e potrebbe spiegare perché il Pd ha contestato in consiglio provinciale la normativa che regolamentava la distribuzione dei pannelli».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 595 volte, 1 oggi)