CUPRA MARITTIMA – Si è concluso con successo il Cupra Musica Festival che, quest’anno, è stato cornice di un avvenimento importante per i musicisti. Durante il concerto del mattino e durante la serata di premiazione del 3 settembre, è stata presentata al pubblico la Cordiera Cantabile. Spieghiamo per i non addetti ai lavori che la cordiera è quella parte del violino che assicura le corde allo strumento. Tante sono state le invenzioni che in passato hanno apportato migliorie al suono dei violini, come l’archetto e le corde metalliche, ma la cordiera cantabile è una novità assoluta, è una nuova dimensione della musica poichè allarga lo spetto degli armonici riducendo di metà le perturbazioni del suono. Il musicista ottiene così un suono più “nobile” e più chiaro con dei toni più profondi. Lo strumento, dicono gli esperti, è più reattivo ed il gioco dell’arco è più facile.

Spiega Salvatore Faulisi, costruttore di flauti che è arrivato a Cupra appositamente per presentare la Cordiera Cantabile: «È da circa 10 anni che ci lavoriamo. La nuova cordiera è in commercio da 2 mesi e molti musicisti ne sono dotati. Già gli strumentisti dell’Opera di Parigi, dell’Orchestra di Parigi, dell’Orchestra Nazionale di Parigi e dell’orchestra Filarmonica sono in possesso della cordiera cantabile, così come alcuni musicisti di Cleveland e vari solisti internazionali. Tra i grandi musicisti che hanno adottato la cordiera ci sono Alexandre Brussilowsy, Gran Premio Jacques Thibaut nel 1975 e Jane Peters, Premio Tchaikovsky. La cordiera inoltre è stata presentata al Consorzio liutai Antonio Stradivari di Cremona, riscuotendo consensi».

Anche il violino donato a Silvia Marcovici come riconoscimento alla carriera Premio Boccabianca è dotato di cordiera cantabile: durante la stessa serata la violinista ha suonato per il pubblico lo strumento dimostrandosi molto soddisfatta e i presenti hanno constatato subito la diversità del suono. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.cordieracantabile.com.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.424 volte, 1 oggi)