SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Palazzina Azzurra, per ora. Poi, alla Scala. Giusi Piunti, soprano sambenedettese, si esibirà venerdì 3 settembre alle 21,30 a San Benedetto, ma intanto il suo calendario prevede, il prossimo 16 gennaio, l’esordio alla Scala di Milano nel ruolo di Lola in “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni. A San Benedetto intanto si esibirà insieme alla pianista Isabella Crisante.
Il concerto è organizzato dall’assessorato al Turismo, in collaborazione con Confesercenti e Astral Music. Direzione artistica Assoartisti dell’Adriatico. L’ingresso è libero. In virtù delle previsioni di maltempo il récital si tiene all’auditorium comunale “Tebaldini” di viale De Gasperi 120.
La Piunti era stata ricevuta in Comune dal Sindaco Gaspari l’8 aprile 2009, ricevendo i complimenti per gli impegni e i successi riscossi in tutta Europa. Alla Scala, “Cavalleria Rusticana” (eseguita come prassi consolidata insieme a “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo) verrà replicata per un totale di nove recite, tra gennaio e febbraio. La direzione musicale sarà affidata ad una delle più apprezzate “bacchette” a livello internazionale, l’inglese Daniel Harding, allievo di Claudio Abbado. Si ricorderà inoltre che il regista dello spettacolo, Mario Martone, è stato recentemente in Riviera, in visita all’amico Andrea Concetti, basso-baritono di Grottammare, impegnato a settembre in un “Don Giovanni” diretto da Roberto Abbado a Saint Paul negli Stati Uniti. Prima di allestire lo spettacolo con Giusi Piunti, Martone è in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia con il suo film “Noi credevamo”.
La Piunti propone a San Benedetto arie dalla Carmen di Bizet (Habanera, Seguedille), dalla Favorita di Donizetti (O mio Fernando), dal Werther di Massenet (Les larmes), dal Don Carlo di Verdi (O don fatale), dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni (Voi lo sapete o mamma). E ancora arie da camera di Gounod, Donizetti e una selezione di arie di Francesco Paolo Tosti (Serenata, Malia, Ideale, ecc). Isabella Crisante intercalerà l’esibizione della Piunti con tre interventi: “Clair de lune” di Debussy, Intermezzo dalla Manon Lescaut di Puccini, e l’Intermezzo della Cavalleria Rusticana.
Oltre la Scala, la Piunti sarà prossimamente impegnata nei ruoli di Elena nel Mefistofele di Boito a Montecarlo, Duchessa di Alba nel Goya di Menotti allo Stadttheater Giesse, Stabat Mater di Rossini e Carmen a Marsiglia.
L’artista sambenedettese, dopo la vittoria in diversi concorsi lirici internazionali, debutta al filarmonico di Verona come Alice nel Falstaff verdiano accanto a Renato Bruson. Dapprima soprano lirico spinto ha cantato in Bohème, Ballo in Maschera, Attila, Otello, Lucrezia Borgia, come in diversi titoli d’operetta come Scugnizza, Contessa Mariza, Paganini, Pipistrello. Negli ultimi anni, assecondando lo sviluppo della sua vocalità ibrida, affronta un repertorio da soprano falcon. È stata quindi Carmen nel capolavoro di Bizet, Charlotte in Werther di Massenet, Elisabetta in Maria Stuarda di Donizetti, Contessa del Poggio nel Giorno di Regno verdiano, Margared ne Le roi d’Ys di Lalo (inciso in dvd), Adalgisa nella Norma di Bellini nonché Tigrana nell’Edgar pucciniano. Ha cantato al Massimo di Palermo, al Comunale di Bologna, al Regio di Torino, all’Opera di Roma , al Rossini Opera Festival, al Teatro Verdi di Trieste, allo Sferisterio di Macerata, come a Detroit, Lima, Mannheim, Giessen, Wiesbaden, Karlsruhe, Wexford Opera Festival, Glyndebourne, Liége, Montpellier, Nancy, Santander, Cordoba. È stata recentemente Santuzza in Cavalleria Rusticana presso lo Stadttheater di Giessen e ancora Carmen a Messina e Tolone.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 582 volte, 1 oggi)