GROTTAMMARE – Arriva la risposta del sindaco della Perla dell’Adriatico, Luigi Merli, in una lettera aperta che risponde alla lettera aperta dei sindacalisti della START spa, in riferimento alle decisioni del Comune di San Benedetto e del Comune di Grottammare che hanno eliminato rispettivamente la corsia preferenziale in via IV Novembre il primo e per via Leopardi il secondo.

«Riceviamo la Vostra  lettera aperta e francamente non ne  comprendiamo l’origine. Le scelte di questo Comune negli ultimi 10 anni sono state tutte improntate verso la mobilità pubblica e certamente non verso la mobilità privata. Abbiamo realizzato parcheggi importanti alla stazione ferroviaria: 250 posti già realizzati e 85 in arrivo il prossimo anno (area ex Cardarelli); dietro il centro commerciale L’Orologio ci sono 14.000 mq di parcheggio con 500/600 posti macchina e nell’area Peep Bernini è in via di completamento un altro parcheggio con altri 150 posti auto. Si tratta di tre parcheggi scambiatori pronti per la famosa e speriamo vicina metropolitana di superficie».

Aggiunge il sindaco di Grottammare: «Abbiamo eliminato la corsia preferenziale in via Leopardi perché tale via è a senso unico e ben sanno gli autisti della Start quali peripezie dovevano fare ogni qualvolta transitavano su tale via da est verso ovest, cioè in senso opposto a quello delle auto, con continui blocchi all’incrocio con il lungomare e, nei mesi estivi, nel caos assoluto. D’accordo con l’apparato tecnico della Start, abbiamo modificato alcune corse sul lungomare, migliorando la qualità del lavoro degli autisti e la qualità della vita dei cittadini di Grottammare. E’ quindi francamente incomprensibile questo vostro “richiamo”. Noi pensiamo di aver preso una decisione saggia e favorevole al miglioramento della qualità della vita complessiva».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 135 volte, 1 oggi)