SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le segnalazioni dei residenti, anche attraverso queste pagine, sembrano essere servite. In Comune si studiano soluzioni per la pericolosità dell’incrocio fra via Goffredo da Buglione e via del Cacciatore, a Porto d’Ascoli, teatro di frequenti incidenti.
Mercoledì mattina si è tenuto un incontro fra l’assessore al Traffico Settimio Capriotti, il sindaco Giovanni Gaspari e l’assessore ai Lavori Pubblici Leo Sestri, alla presenza di funzionari della Polizia Municipale.
L’obiettivo è studiare soluzioni di “traffic calming”, per dissuadere gli automobilisti dalle forti velocità che vengono raggiunte lungo la rettilinea via del Cacciatore. Dossi e attraversamenti pedonali rialzati, che sembrano la soluzione più immediata, piccole chicane. Nell’incrocio, il primo intervento che viene in mente ai tecnici è lo spostamento in avanti della linea dello stop su via da Buglione. Affermano l’assessore Capriotti e il sindaco Gaspari: «Dal 2008 stiamo studiando queste problematiche in quel punto, la rotatoria sarebbe molto costosa e poco risolutiva, in quanto alcuni innesti verrebbero ad angolo retto. La nostra idea è studiare soluzioni di traffic calming, in modo da tenere in quel punto costantemente la velocità sotto ai 50 km orari».
Il sindaco ha stigmatizzato il comportamento soprattutto notturno degli automobilisti in via del Cacciatore, definita una “rampa di lancio”. «Le soluzioni studiate saranno sottoposte all’attenzione dei residenti e del comitato di quartiere, poi decideremo quale adottare e la realizzazione sarà rapida».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 809 volte, 1 oggi)