ASCOLI PICENO – La settimana scorsa la Polizia di Stato ha effettuato controlli negli esercizi di raccolta scommesse ed ha accertato che in due di loro, situati nella vallata del Tronto ed a San Benedetto del Tronto, veniva svolta questa attività illegalmente.
Difatti le due agenzie, spiega il portavoce della Questura di Ascoli, operavano come intermediarie di due società straniere (austriaca e maltese), sprovviste delle concessioni dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e della licenza di pubblica sicurezza della Questura.
A seguito delle operazioni, la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale ha denunciato all’Autorità Giudiziaria sei persone ed ha sequestrato numerose ricevute di giocate ed una consistente somma di danaro, provento dell’attività illecita.
I provvedimenti sono stati presi anche nei confronti di chi effettuava le giocate in quanto la legge 401/89 punisce sia chi organizza la raccolta di scommesse abusive sia chi partecipa effettuando giocate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 971 volte, 1 oggi)