SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Le occupazioni di suolo pubblico per le sagre e le feste d’ora in poi si pagheranno sempre”. Il sindaco Giovanni Gaspari risponde alle lamentazioni del patron Mail Express Volley, Bachisio Ledda, che si sarebbe atteso una concessione gratuita dell’occupazione di suolo pubblico per la sua Sagra del Buon Mangiare presso l’ex galoppatoio. Ad agosto, ha spiegato il sindaco, una delibera ha dato il nuovo indirizzo che prevede che tutti gli organizzatori di sagre debbano pagare la tassa. L’ultimo evento ad avvalersi della concessione gratuita in quanto antecedente alla delibera è stata l’iniziativa del movimento religioso Fides Vita, sempre presso l’ex galoppatoio. Prima ancora, il Maremoto Festival.

“Mi dispiace che Ledda abbia avuto questa reazione, però queste sono le nuove regole”, ha affermato il sindaco sabato mattina. “Comunque si fa pagare poco, e io per il resto ho la coscienza a posto perché ho fatto molto per la promozione del volley nella città, ho messo a disposizione la palestra di via Togliatti per la Mail Express, non era mio dovere però l’ho fatto, e ora mi arriva da Ledda questa lettera sopra le righe. Potevamo abbattere i costi per l’occupazione di suolo pubblico, ma non possiamo annullarli”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 468 volte, 1 oggi)