SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Hanno scelto delle modalità sicuramente singolari per esternare la loro protesta e il loro appello al dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Michele Calascibetta.

In piazza Caduti del Mare, una decina di genitori di alcuni studenti dell’Istituto Alberghiero “F. Buscemi” si sono dati appuntamento nella mattinata di lunedì con tanto di teli da spiaggia e ombrelloni. Un sit con cartelli esposti al pubblico per esporre le proprie richieste.

Due appartenenti al comitato, il vicepresidente Otello Simoncini e la signora Edilia Spinozzi, spiegano così le ragioni della loro protesta, che comunque va avanti da mesi ma che si è rinfocolata dopo che il giudice del Lavoro del Tribunale di Ascoli ha accolto il ricorso con cui il dirigente scolastico Giovanni D’Angelo contestava il suo trasferimento in un altro istituto, disposto a luglio dall’Ufficio Scolastico Regionale.

“Chiediamo al dottor Calascibetta di proporre il ricorso entro il termine del 28 agosto. Chiediamo che si possa andare di fronte ad altri giudici con un provvedimento di trasferimento del professor D’Angelo che metta in luce ciò che noi crediamo e sosteniamo, cioè che la sua gestione della scuola sia non soddisfacente e che ci sia una incompatibilità ambientale da parte sua”.

Intanto, dopo la decisione del giudice Emilio Pocci che, lo ricordiamo, ha riconosciuto il buon diritto delle ragioni del preside D’Angelo, è stata “congelata” la nomina del nuovo dirigente scolastico, il professor Alfonso Sgattoni, proveniente dal Liceo Scientifico di Fermo.

Secondo il gruppo di genitori, la permanenza del preside D’Angelo porterebbe la scuola in un clima da loro definito “non sereno”. E annunciano nuove proteste, anche ad Ancona.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 919 volte, 1 oggi)