MARTINSICURO – Toni Lattanzi si dimette da portavoce della sezione locale degli ex An. La decisione, presa questa mattina a seguito di un’attenta ponderazione, è dovuta ad attacchi ricevuti dall’esponente di Alleanza Nazionale dopo il consiglio comunale di giovedì scorso, dove il gruppo di minoranza ha dato battaglia sull’approvazione dei comparti turistici.

Attacchi che si ripercuoterebbero ora sulla sua attività commerciale, un negozio di ottica a Martinsicuro, che Lattanzi gestisce insieme ad un socio.

«In questo fine settimana – spiega – il mio socio ha ricevuto telefonate da parte di tecnici vicini alla proprietà (che avrebbe dovuto realizzare la struttura ricettiva nel comparto turistico contestato, ndr) che lo hanno attaccato per via del nostro atteggiamento in Consiglio comunale, annunciando che, insieme alle rispettive famiglie, non sarebbero stati più clienti del negozio. Un episodio – prosegue – già verificatosi in passato a seguito di altre discussioni inerenti l’urbanistica, e che avevano fatto perdere dei clienti coinvolti nelle vicende contestate».

«Non ho paura di questo ignobile ostracismo nei miei confronti per aver detto come stano i fatti – ha aggiunto – ma, per rispetto del mio collaboratore, e affinchè non debba essere ancora danneggiato per via delle mie azioni politiche, sono costretto a rassegnare le dimissioni da portavoce del gruppo. Di certo restare e non poter parlare non sarebbe possibile, oltreché coerente».

Lattanzi, che è anche coordinatore del gruppo locale, starebbe pensando di rimettere anche quest’incarico, che però dovrà essere prima discusso all’interno del partito e con i vertici della dirigenza.

Ringrazia poi i due consiglieri di minoranza Fedeli e De Luca con i quali dice di aver «un rapporto di collaborazione splendido», e tutti i cittadini che lo hanno sostenuto nelle numerose battaglie intraprese finora. «Moltissimi ci hanno ringraziato – conclude – per aver portato alla luce questioni scomode e aver scoperto “errori” che avrebbero potuto dare origine ad eventuali speculazioni edilizie».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 369 volte, 1 oggi)