SAMB-JESINA 1-1 (3-4 d.c.r.)
SAMB (4-4-2): Lima; Zazzetta, Pulcini, Mengo, Nicolosi; Evangelisti (8’ st Capriotti), Rulli, D’Aniello (27’ st Oresti), D’Angelo (27’ st Carioti); Covelli, Pazzi. All. Palladini. A disposizione: Chessari, Ogliari, Pergolizzi, Cordova.
JESINA (4-3-2-1): Niosi; Pascucci (32’ st Campana), Marini, Alessandrini, Costantini; Sebastianelli, Bugari, Strappini; Bediako, Negro (23’ st Gabrielloni); Tarenzi (5’ st Sassaroli). All. Fenucci. A disposizione: Callimaci, Rossi, Santoni, Negozi.
Arbitro: Sacchi di Macerata. Assistenti: Staffolani di Macerata, Grieco di Salerno.
Marcatori: 8’ st Negro (J), 45’ st Pazzi (S).
Sequenza rigori: Mengo (S) gol, Bugari (J) gol, Carioti (S) alto, Gabrielloni (J) gol, Pazzi (S) gol, Strappini (J) palo, Covelli (S) fuori, Sebastianelli (J) gol, Pulcini (S) parato.
Ammoniti: Zazzetta, Mengo, Carioti (S), Sebastianelli, Pascucci, Bediako (J).
Note: 832 spettatori. Calci d’angolo 8-4 per la Samb.

GROTTAMMARE – Samb ancora work in progress, Jesina già in forma campionato. È questo il verdetto della prima gara ufficiale della stagione 2010/11, disputatasi al “Pirani” con una buona affluenza di pubblico: i rossoblu sono ancora lontani parenti di quelli che pochi mesi fa macinavano vittorie a suon di gioco e occasioni. Certo, adesso c’è l’obbligo dei 4 under ad abbassare il tasso di qualità ed esperienza, e c’è una preparazione che ancora pesa sulle gambe, essendo mirata a far entrare in forma i giocatori per il 5 settembre, data di inizio del campionato.

Il discorso dovrebbe valere anche per i leoncelli, in quali, invece, pur non mostrando un gioco esaltante, hanno esibito quella grinta necessaria in serie D, difendendosi con ordine e colpendo in contropiede. In casa Samb invece ancora troppe disattenzioni e gioco solo a sprazzi: c’è di buono la reazione dopo lo svantaggio, che ha portato, dopo alcune buone occasioni, al pareggio di Pazzi proprio al 90’. Ma ben tre errori ai calci di rigore (il regolamento della Coppa Italia di serie D prevede subito i penalty in caso di parità dopo il 90’) hanno dimostrato che oggi non era proprio giornata per i rossoblu.

Primo tempo scarno di occasioni: al 18’ ci prova lo jesino Strappini, ma Lima devia in tuffo; un minuto dopo il veloce Bediako va via in contropiede, ma colpisce il palo. Nella Samb si fanno vedere Zazzetta e il redivivo D’Angelo (positivo ma ancora non al 100%), ma senza risultato. La ripresa si apre con due tiri dalla distanza di Sebastianelli e Strappini respinti da Lima: è il preludio al gol di Negro, che all’8’ centra la porta sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Subito prima di questa azione era entrato Capriotti per Evangelisti, con lo spostamento di Zazzetta (un po’ in difficoltà in difesa contro Bediako) in posizione di esterno sinistro e il passaggio di Ivan D’Angelo a destra. Dopo lo svantaggio la Samb cerca di aumentare la pressione sulla Jesina, collezionando alcune buone occasioni: Pulcini al 10’ centra la traversa, poi al 13’ Covelli spreca malamente da ottima posizione. Un minuto dopo è D’Angelo a trovare il palo, poi al 25’ il colpo di testa di Pazzi su cross di Zazzetta viene bloccato da Niosi.

La stanchezza si fa sentire, e al 27’ Carioti e Oresti sostituiscono D’Angelo e D’Aniello. Le azioni di attacco della Samb si fanno più confuse e il gol sembra destinato a non arrivare. Ma al 45’ ci pensa Cristian Pazzi, che trova il gol del pareggio grazie a una bella azione personale. Nel recupero brivido per i rossoblu, con lo jesino Gabrielloni che sciupa una buona occasione in contropiede.

Ai rigori, come detto, sono decisivi gli errori di Carioti (tiro alto), Covelli (fuori alla sinistra del palo) e Pulcini (parato da Niosi), di contro ai gol realizzati da Mengo e Pazzi; in casa leoncella vanno a segno Bugari, Gabrielloni e Sebastianelli, mentre Strappini colpisce il palo alla sinistra di Lima. Il vantaggio rende inutile l’ultimo rigore della Jesina, che può così esultare per il passaggio del turno: domenica 29 agosto i leoncelli affronteranno, ancora da ospiti, la Civitanovese. La Samb, invece, avrà due settimane di tempo per prepararsi alla prima di campionato, anche questa a Civitanova: lì non saranno più ammessi passi falsi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 843 volte, 1 oggi)