SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Le sagre a San Benedetto? Decisamente troppe». A sostenerlo è Giovanni Gaspari che, tra i vari provvedimenti, ha già fatto approvare una delibera di indirizzo per limitare le manifestazioni popolari in città nell’estate 2011.

Il motivo dell’avversione è riconducibile alla notevole riduzione di posti auto disponibili che tali feste comportano (se vengono realizzate in aree parcheggio come quella in Piazza Mar del Plata di fronte al faro, ad esempio), con il conseguente incremento del caos tra residenti e turisti. «Dobbiamo individuare – ha spiegato il sindaco – uno spazio preciso dove farle, che non occupino i parcheggi. Serve un unico punto nel quale alternarle che noi abbiamo localizzato nell’area dell’ex-galoppatoio».

«Le sagre – ha proseguito – sono eventi tipici di paesi più piccoli che desiderano valorizzare i prodotti della loro terra, qui da noi andrebbero alleggerite».

Il primo cittadino si è poi lasciato andare a pareri ed impressioni sull’andamento della stagione in corso: «Stiamo alzando l’asticella della qualità turistica, vedo un pullulare di gente. Siamo diventati dei forti attrattori, specialmente per i comuni vicini. Persino il mercatino de “L’antico e le Palme” mi è parso molto più ordinato e valorizzato».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.123 volte, 1 oggi)