ASCOLI PICENO- Mercoledì pomeriggio una operazione congiunta delle Questure di Ascoli e Teramo ha portato al sequestro di 2 grammi di cocaina e di dodici grammi di eroina.

E’ stato così sgominato un presunto traffico di droghe pesanti che secondo le forze dell’ordine era destinato per lo spaccio al minuto nei locali notturni e discoteche della Riviera e della costa in genere. Ad essere fermati ad un posto di blocco ai confini tra la provincia ascolana e quella teramana sono stati tre giovani italiani i quali, alla vista degli agenti di Polizia, hanno dato chiari segni di nervosismo.

Questo non ha fatto altro che insospettire maggiormente gli uomini di legge i quali hanno eseguito una minuziosa perquisizione alla macchina e alle persone. Addosso ad uno di essi, G. A., è stato trovato un cilindro di plastica con dentro un grammo di eroina.

Successivamente in Questura agli agenti veniva il sospetto che  uno di essi, Massimo Catini, 40enne residente a Folignano,  avrebbe potuto nascondere sostanze stupefacenti nel retto. Veniva quindi attuata la pratica medica per favorire l’espulsione e venivano alla luce ben tredici cilindri. Due contenenti cocaina (due grammi), gli altri contenenti undici grammi di eroina.

A questo punto il Catini rilasciava una piena confessione ammettendo di essersi rifornito a Napoli, e ciò ne determinava il suo arresto per spaccio di sostanze stupefacenti. Il quarantenne è stato così rinchiuso nel carcere abruzzese di Castrogno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 964 volte, 1 oggi)