CARASSAI – Il 18 Agosto a Carassai in concomitanza della 37a Sagra della Salsiccia alla Brace (una delle prime organizzate nel territorio) si terrà la finalissima del “tROCKa Festival”

Quest’anno gli organizzatori hanno tentato di dare vita ad un “side event” che avesse un qualche interesse per i giovani, che offrisse l’occasione ai sempre numerosissimi estimatori della Salsiccia alla Brace di visitare il piccolo borgo piceno.

Così è nato, quasi per scherzo, lo testimonia anche il nome scelto, un Rock Band Contest chiamato “tROCKa Festival” . La “trocca” in dialetto marchigiano è il recipiente dove deporre il pasto del maiale, generalmente costituito da un guazzabuglio di prodotti differenti. Questo, appunto, il senso di un concorso che ha visto la partecipazione di numerose le rock band partecipanti fra Marche e Abruzzo, rappresentanti di innumerevoli e a volte contrapposti generi musicali.

Si sono iscritte 12 formazioni, rappresentanti di differenti tipologie di Rock. Alcune di queste band hanno inizialmente “sconvolto la popolazione” con il Metal più estremo, con l’uso di una tecnica di canto cupa ed inquietante.

Tutto si è sistemato, racconta l’organizzatore Mariano Pallottini, quando i leader vocalist hanno iniziato a spiegare le ragioni di una musica di tal genere. E’ subentrata la curiosità e poi l’apprezzamento manifestato con calorosi applausi.

Una di queste formazioni per poco non si è ritrovata in finale e questo pur non disponendo di numerosi propri sostenitori votanti.

Per contrappunto, si è assistito all’esibizione di un gruppo di ragazzini fra i 15 e i 16 anni, i The Twins, originari di Petritoli che solo in apparenza possedevano un aspetto angelico e rassicurante di bravi ragazzi.

Anche la loro esibizione è stata caratterizzata da percussioni e un sound assordanti, assoli di chitarra da togliere il fiato.

Ora questi ragazzini sono in finale grazie alla formula del pubblico votante. Per ogni consumazione pari a 3 euro si ha diritto ad un voto e questi piccoli rockers di sostenitori ne hanno avuti molti.

In finale anche i Lustagrooves, una band di Alba Adriatica.

Questi giovani hanno al loro attivo diversi demo ed hanno presentato in maniera magistrale l’album di loro brani dando un gran lustro alla kermesse.

In finale anche i Neurotics, una band di Cupra Marittima che ha già ottenuto la visibilità sperata convincendo un impresario tedesco a scritturarli per una serie di concerti live nei locali in Germania.

I premi sono un buono acquisto in un negozio musicale, 10 ore in studio di registrazione, un service tutto compreso (palco, amplificatori, luci, mixer e assistenza).

Per la finale, data la formula del concorso, giuria tecnica che esprime max 500 punti e giuria popolare senza limiti di voto, a cui si aggiunge l’interesse crescente ottenuto con il passa parola, si conta di fare il tutto “esaurito”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 508 volte, 1 oggi)