GROTTAMMARE – Estate contestata, come ogni estate, chalet che vorrebbero far feste per portare clientela al loro locale e albergatori che vogliono tutelare la loro clientela da quelli che vengono chiamati “schiamazzi notturni”.

Una diatriba che dura da anni proprio per la quale lo chalet Mojito aveva deciso di non dare feste in spiaggia «Il motivo della scelta – afferma Natalino Mori – è riconducibile al clima di intolleranza e di chiusura dimostrato da parte di alcuni albergatori, pur a fronte della (dimostrata e riconosciuta da molti) disponibilità dei gestori del Mojito di attuare in passato pratiche di contenimento del disturbo, sia sotto il profilo musicale, che sotto quello dell’ordine pubblico e della circolazione: limitatori acustici, steward, parcheggiatori, segnaletica integrativa, bus navetta. Nel frattempo tutte le iniziative legali sia civili che penali promosse da quegli albergatori si sono concluse positivamente per i gestori del Mojito».

Ma per Ferragosto, domenica 15 agosto dalle 22, anche in vista della deroga che prevede l’apertura straordinaria fino alle 4,  lo chalet Mojito torna in carreggiata proponendo la serata in spiaggia “Tutto in una notte” « proprio per raccogliere nella notte più importante della tradizione grottammarese, con fuochi d’artificio e bagno sotto le stelle, anche  i tanti giovani che per anni hanno partecipato ai beach party e  continuavano a sollecitarne la riproposizione», spiegano i proprietari.

È prevista in consolle una carellata di Dj fra cui Alfredo Baldoni, Daniele Testatonda, Lino e Manu, Simon Angel e Bombolo, con al microfono Guido Voice e l’emergente Betto.

La direzione artistica è affidata a Tomas Orsolini.

Per la serata non verranno vendute bibite e birre in vetro, tanto che i gestori metteranno a disposizione birre  Ceres e Heineken in speciali bottiglie di plastica e alluminio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 475 volte, 1 oggi)