SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Quali saranno i comportamenti della sinistra alternativa (come desidera essere denominata) nella primavera del 2011? Correrà autonomamente o deciderà in extremis di dare il proprio appoggio al Pd? Domande ancora senza una risposta, alle quali però si comincerà a dar conto nel corso della serata inaugurale della Festa di Liberazione, in programma dall’11 al 15 agosto presso la pinetina antistante lo chalet “Il Pescatore” (sul lungomare sambenedettese) e organizzata da Rifondazione Comunista.

Esponenti critici con l’amministrazione Gaspari, che hanno già annunciato di non avere alcuna intenzione di riappoggiare una maggioranza guidata dal primo cittadino uscente, discuteranno a partire dalle 21.30 in un dibattito intitolato “San Benedetto e il partito del cemento”. Oltre al consigliere comunale Daniele Primavera (Rc) e al compagno di partito Gabriele Marcozzi, interverranno anche il socialista Mario Narcisi, Luca Spadoni di Sinistra Ecologia e Libertà ed il presidente di “Italia Nostra” (sezione ascolana) Gaetano Rinaldi.

Svolta satirica invece nella serata di venerdì 13 agosto, quando il giornalista di Riviera Oggi Oliver Panichi coordinerà la presentazione del caso editoriale dell’anno, “Spinoza, un libro serissimo”. Popolare blog irriverente capace di sfornare giornalmente centinaia di freddure fulminanti e politicamente scorrette, Spinoza.it è finito pure nelle librerie grazie alla raccolta del materiale e dei contributi di oltre seicento navigatori.

Non mancherà ovviamente la musica, con il concerto dei Cazzirro giovedì 12, l’esibizione degli Ubi Maior il 14 e dei Cellar Door il 15. Da decidere infine il giorno della proiezione del documentario del 2009 di Michael Moore, “Capitalism, a love story”.

Per tutte le cinque serate saranno attivi gli stands gastronomici che proporranno, a detta degli organizzatori, prezzi popolari. Lo spazio resterà aperto anche a pranzo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 463 volte, 1 oggi)