SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una pattuglia dei Carabinieri del Comando di San Benedetto ha  arrestato all’aeroporto di Pescara, mentre faceva rientro in Italia dall’Albania, Klodian Kotobelli, 20enne residente a Martinsicuro. Il giovane si trova ora rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto.

L’arrestato era il quarto componente di una banda di picchiatori definiti come “feroci e dediti alla violenza fine a sé stessa” che nel novembre del 2009 aggredì in modo bestiale quattro ragazzi di Ripatransone davanti ad un locale in Largo Danubio a Porto D’Ascoli.

Le vittime del pestaggio avvenuto per futili motivi riportarono, tra gli altri, traumi contusivi facciali e prognosi di 40 giorni. In quella occasione furono fermati tre dei quattro assalitori e il 23 aprile del 2010 il Pm di Ascoli Umberto Monti ottenne il carcere con isolamento specifico per  Marco Pagano, 24 anni, Antonio Marrone 20enne aquilano e Bledar Shehu anche lui 20enne.

Mancava il Kotobelli, resosi irreperibile. Con la sua cattura si chiude il cerchio su di una brutta storia che destò molta impressione nella opinione pubblica di San Benedetto e Martinsicuro dove, pochi mesi prima, pestato a morte da tre rom, aveva perso la vita il giovane lamense Antonio Di Meo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.076 volte, 1 oggi)