ASCOLI-  Erano da poco passate le 15,50 di lunedì 2 agosto quando un equipaggio della squadra Volanti della Questura di Ascoli riceveva notizia dalla Sala operativa dell’avvenuto furto di un furgone Ford Transit appartenente al titolare di un esercizio commerciale situato in Corso Vittorio Emanuele.

Nello stesso momento un privato cittadino chiamava il “113”  riferendo di aver visto un furgone procedere a folle velocità per le vie di campo Parignano andando persino ad urtare contro un palo.

La Volante raggiungeva la zona e si metteva alla ricerca del furgone. Nel frattempo un equipaggio della Digos raggiungeva il testimone per avere ulteriori dettagli sull’accaduto riferendoli agli operatori della Volante che, dopo breve tempo, individuavano un furgone corrispondente alla descrizione lungo la via Po, luogo di abitazione di un noto pregiudicato ascolano, T.M. di 23 anni .

Quest’ultimo veniva rintracciato presso la sua abitazione, tra l’altro violando anche l’obbligo di allontanamento dalla casa familiare, e vistosi scoperto dopo un po’ di riluttanza ammetteva di aver commesso il furto.

Il giovane è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto a disposizione del Sostituto procuratore Carmine Pirozzoli. Il furgone è stato riconsegnato al legittimo proprietario.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 105 volte, 1 oggi)