ASCOLI PICENO – La città delle Cento Torri e della Quintana, in luglio e agosto, torna indietro nel tempo per rivivere come ogni anno, sin dal 1955, suggestivi momenti di rievocazione storica risalenti al medioevo.

La Quintana ha momenti e tempi diversi e ricalca un percorso rituale antico di celebrazioni che sono riportate nei documenti medioevali, dall’inizio, con la lettura del bando e la benedizione dei Cavalieri davanti al sagrato di Sant’Agostino, la mostra del palio e il corteo il giorno di Sant’Anna, all’apertura delle solenni celebrazioni per i festeggiamenti della festa patronale di Sant’Emidio.

Ascoli Piceno ha sei Sestrieri cittadini che rappresentano la suddivisione della città e vantano tutti un’antica storia, rappresentano l’anima della Quintana e sono rispettivamente: Porta Solestà colori gialloblu, Piazzarola colori biancorosso, Porta Maggiore colori neroverde, Porta Romana colori rossoazzurro, Porta Tufilla colori rossonero, S. Emidio colori rossoverde.

La tanto attesa data di agosto apre la manifestazione con il corteo in costume quattrocentesco dove i Sestrieri cittadini sfilano nell’ordine di classifica dell’ultima edizione della giostra che è stata disputata creando uno scenario spettacolare in abiti realizzati da mani sapienti che curano certosinamente tutti i particolari storici.

Indossare l’abito da Dama per donne e ragazze Ascolane è il sogno di una vita, le baciate dalla sorte in questa edizione sono state per il Sestriere Solestà la Dama Roberta Catalano 35 anni che ha indossato il nuovo abito del maestro Lazzarotti, Anna Balena Dama per Piazzarola 45 anni con i colori biancorossi, per Porta Romana la Dama Alessandra Regoli vestito rosso, per S. Emidio la Dama Roberta Silvesti 35 anni partenopea ma vive da sin da piccola nella città di Ascoli, la Dama Maria Elena Sardi 25 anni per Porta Maggiore e per Porta Tufilla la Dama Barbara Costantini 39 anni.

Dame e Cavalieri danno il via ad uno scenario di sontuosità unica nel suo genere, di uno sfarzo cavalleresco appartenente al passato, di scorci che sembrano appartenere ad “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll. In un corteo composto da ben 1500 partecipanti che partendo da San Pietro Martire attraversa le vie cittadine mostrando tutta la regalità che in questa manifestazione esprime la lunga storia medioevale della città.

Il lungo corteo impiega quasi due ore per raggiungere e sfilare attraversando uno dei salotti d’eccellenza della città: piazza del Popolo per la presentazione delle Magistrature impersonate dal Sindaco Guido Castelli nelle vesti di Magnifico Messere, e da assessori comunali e provinciali e per accogliere Sant’Orsola che vede in questa edizione di agosto la figura della giovane Ludovica Fede di 19 anni, studentessa.

Il coordimento e la cura, sin nei minimi particolari, è lavoro svolto dal coreografo Luigi Morganti con impeccabile maestria e precisione.

La meta del corteo è il campo dei giochi di porta Maggiore situato nella zona est della città, è l’arena nella quale si assiste alla Giostra della Quintana una competizione molto antica ma anche molto importante che consiste nel colpire con un’asta, in tre consecutivi assalti un bersaglio raffigurante il saraceno e da ripetersi per tre volte ad ogni tornata, da parte di ogni cavaliere giostrante lanciato al galoppo lungo il percorso a forma di otto di 720 metri. Il totale dei punti è data dalla somma totalizzata nei 3 bersagli e dal punteggio ottenuto dai minuti impiegati ad ogni tornata.

Durante la giostra, ai cavalieri dei Sestrieri di Porta Maggiore Francesco Scattolini, di Sant’Emidio Willer Giacomini e Porta Romana Manuele Capriotti, hanno subito un infortunio al polso a causa del contraccolpo ricevuto colpendo il saraceno e hanno dovuto abbandonare la competizione.

I tre sestrieri rimasti in gara hanno acceso le tifoserie sfidandosi e regalando emozioni per la contesa della vittoria e tra il tripudio del pubblico dello Squarcia, il verdetto non lasciava dubbi aggiudicando il Palio di agosto al Sestriere Solestà dai colori gialloblù, che con il folignate Luca Innocenzi in sella del purosangue inglese Dorilas ha confermato i pronostici già fatti in luglio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 238 volte, 1 oggi)